«Un libro fatto di immagini e persone». La base di Cameri celebra i 40 anni del 1°RMV

«Un libro fatto di immagini e persone». La base di Cameri celebra i 40 anni del 1°RMV. Nella mattinata di ieri, 10 settembre, la base di Cameri ha celebrato i 40 anni del 1°RMV, Reparto manutenzione velicoli, che si trova proprio all’interno dell’aeroporto militare. È stato il direttore, il colonnello Danilo Figà, a ripercorrere le tappe del centro: «Avviato nel 1981 con le prime manutenzioni sui Tornado, ha assunto l’attuale denominazione nel 1985. Il primo supporto tecnico logistico è stato dato nel 1991 con la Prima guerra del Golfo e nel 1998 è stata aggiunta la capacità manutentiva sugli Eurofighter. Negli ultimi anni si è aggiunta la gestione degli F35». (leggi qui)

Per l’occasione è stato realizzato un libro fotografico interamente dedicato al 1°RMV, opera del tenente colonnello Diego Spadafora con la collaborazione del luogotenente Gianfranco Corigliano e del primo maresciallo Cangemi. «Non è un libro scritto – ha spiegato Spadafora – ma un fermo immagine su quello che il reparto è oggi. Lo scopo era quello di raccontare la storia dei protagonisti che ogni giorno lavorano e conseguono risultati e successi. Tutte le foto, qualche centinaia, sono state scattate in modo naturale, senza avvisare il personale di quello che stavamo facaendo così da cogliere l’essenzialità del quotidiano. Il lavoro è stato svolto da aprile a giugno realizzando un percorso sequenziale che va dalal nascita dell’1°RMV, alla trasformazione, il battestimo del fuoco, l’arrivo della seconda flotta e l’intero reparto dove parlano le divise, i volti, le tute da lavoro, le mani sapienti che operano sui dettagli».

Al termine della cerimonia, sul Tornado che ha effettuato la prima manutenzione a Cameri nel 1985, è stato scoperto lo stemma commemorativo realizzato per il quarantennale.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *