Novara travolto 5 a 1 al Piola dalla Sanremese che accorcia le distanze

Disfatta del Novara, che perde per la seconda volta in casa, dopo il Ligorna (0-1), anche la Sanremese passa al "Piola", imponendosi di forza nello scontro diretto con un punteggio che non lascia dubbi

NOVARA-SANREMESE 1-5

Troppo netta la differenza di valori, per gli azzurri l’illusorio vantaggio del bomber albanese Dardan Vuthaj, alla rete numero 26 in questo campionato, poi, è un dominio dei matuziani, all’ottavo successo in trasferta, imbattuti nelle 10 giornate del girone di ritorno (8 vittorie e due pareggi), si portano a -3 dal Novara, con la consapevolezza di poter lottare sino alla fine per salire in Lega Pro.

Sanremese allenata dal bergamasco Matteo Andreoletti (33 anni), il più giovane allenatore in Italia dalla Serie A alla Serie D, che bissa il successo dell’andata: 3-2 al “Comunale” di Sanremo, in 180′ minuti i matuziani hanno realizzato 8 gol alla squadra guidata da Marco Marchionni, che dopo un quart’ora iniziale alla pari, è evaporata, subendo una dura lezione.

ILLUSIONE VUTHAJ

Gara frenetica, su ritmi alti. Inizialmente L’iniziativa è del Novara, che crea affanno alla retroguardia ligure. La prima occasione è però degli ospiti con una insidiosa conclusione dalla distanza di Larotonda fuori di poco. Il risultato si sblocca con una prodezza di Vuthaj, abile con le spalle alla porta di infilare l’angolo opposto alla destra del portiere. Il vantaggio crea l’effetto opposto alla capolista, gradualmente crescono i matuziani che raggiungono il meritato pareggio prima della mezz’ora: discesa a sinistra di Aita e palla in mezzo per Gagliardi che infila alla destra del portiere. Nessuna reazione da parte del Novara con Anastasia (32′) che manca clamorosamente il raddoppio. La Sanremese gioca meglio e centrocampo, mentre il Novara non trova le giuste distanze ed è costretto a difendersi. Larotonda prima dell’intervallo griffa il sorpasso con una conclusione da appena dentro l’area. Due strepitose parate di Dejardens negano altrettanti gol alla Samremese, il 2-1 che manda le squadre al riposo è decisamente “stretto” ai liguri.

RIPRESA SENZA REAZIONE

Il Novara nella ripresa non ha la reazione che i propri tifosi vorrebbero vedere. La Sanremese è abile del gestire il pallone e spezzare il ritmo. Marchionni passa al 4-4-2 arretrando Gonzalez sulla linea di centrocampo, ed abbassando Paglino. Ma l’unica emozione, dopo una girandola di cambi, è la terza rete della Sanremese, grazie all’intuizione di “Pippo” Scalzi che scatta in contropiede a sinistra, il portiere Raspa non è perfetto ad uscire, pallone in mezzo all’area per Valagussa che anticipa tutti ed infila il gol del 3-1 che mette in ghiaccio la partita. Il Novara “esce” definitivamente dall’attesa sfida. Sui titoli di coda firma una doppietta Anastasiasi, prima parte da metà campo e trafigge Raspa, poi in contropiede cala una “manita” che deve far riflettese.

NOVARA A +3

Novara da +10, virtualmente a +13 dovendo recuperare la trasferta col Derthona, poi pareggiata (1-1) domenica 13 febbraio alla quarta giornata del girone di ritorno dopo la vittoria interna sull’Imperia. Poi un regresso nelle prestazioni e nei risultati. Dopo 42 giorni il Novara è a +3 sulla Sanremese, quando mancano nove giornate dalla fine della regular season, la squadra di mister Marchionni è ancora “padrona” del proprio destino, ma non vanno sottovalutati gli scricchiolii degli ultimi due mesi, basta pensare all’ultima vittoria a Vado, al 99′ su rigore, quando sabato il Gozzano, in dieci dal 24′ del primo tempo per l’espulsione del difensore centrale e capitano Montesano, si è imposto 3-0 sul Vado. Mercoledì al “Palli” di Casale Monferrato per un derby sentitissimo dalle tifoserie, il Novara è chiamato a dare delle risposte, a vincere e convincere, se non vuole compromettere una stagione che, due mesi addietro, sembrava avviata all’epilogo che il presidente Massimo Ferranti, per i sacrifici personali e gli investimenti fatti, auspicava.

NOVARA (3-4-2-1): Desjardenes 6 (26’ st Raspa 5); Benassi 5, Bergamelli 5, Vimercati 5; Paglino 5.5 (35’ st Babacar 5), Tentoni 5, Capano 5 (14’ st Di Munno 5), Di Masi 5 (32’ st Pagliai ng); Gonzalez 5; Vuthaj 5.5, Pereira 5 (26’ st Laaribi 5). A disp.: Agostinone, Rocchetti, Gyimah, Vaccari. All. Marchionni 4
SANREMESE (4-3-3) Malaguti 6; Bregliano 6.5 (9’ st Valagussa 7), Nossa 7, Mikhaylovskiy 6.5, Aita 6.5 (45’ st Piu ng); Larotonda 7, Gemignani 7, Gagliardi 7 (35’ st Scalzi 6); Anastasia 7.5, Conti 6.5 (28’ st Giacchino 6.5), Vita 6 (26’ st Pantano 6). A disp. Ferro, Urgnani, Dacosta, Cinque. All. Andreoletti 8.
ARBITRO: Castellone di Napoli 6.
MARCATORI: pt 17’ Vuthaj, 28’ Gagliardi, 38’ Larotonda; st 37’ Valagussa, 44’ Anastasia, 45′ Anastasia.
NOTE: Giornata di sole, terreno in ottime condizioni. Presenti circa 4200 spettatori, un centinaio della tifoseria ospite. Ammoniti: Benassi, Vuthaj, Bergamelli, Larotonda, Vaccari (dalla panchina), Gemignani, Malaguti. Angoli: 4-3 per il Novara. Recupero: pt 1’, st 4’.

RISULTATI (29^ giornata) Oggi: Novara-Sanremese 1-5; Varese-Derthona 0-1; Fossano-Casale 1-4. Giocate ieri: Asti-Bra 2-2; Lavagnese-Caronnese 1-2; Gozzano-Vado 3-0; Imperia-Ligorna 0-0; Borgosesia-Sestri Levante 0-1; Chieri-Rg Ticino 0-1; Saluzzo-Pont Donnaz 1-1.

CLASSIFICA Novara 62; Sanremese 59; Derthona, Città di Varese 47; Casale, Borgosesia 44; Chieri 41; Bra, Ligorna 40; Gozzano 39; Vado, Sestri Levante 38; Caronnese, Pont Donnaz 37; Rg Ticino 34; Asti 33; Fossano 31; Imperia 28; Lavagnese 21; Saluzzo 17.

PROSSIMO TURNO (30^ giornata) mercoledì 30/3/ore 15: Casale-Novara, Sanremese-Asti, Vado-Borgosesia, Caronnese-Chieri, Sestri Levante-Varese, Pont Donnaz-Gozzano, Rg Ticino-Imperia, Saluzzo-Lavagnese, Bra-Ligorna; ore 17: Derthona-Fossano.




Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Guido Ferraro

Guido Ferraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL