Elezioni Borgomanero. Sergio Bossi: «Sì a nuove aree produttive, ma attenzione a sviluppo urbanistico e riuso degli edifici»

Domande e riposte al candidato sindaco del centrodestra, primo cittadino in carica, per il voto di domenica prossima. La prima intervista è stata pubblicata ieri, l'ultima è prevista domani

Prosegue il “question time” de La Voce con i candidati sindaci a Borgomanero. Seguendo l’ordine presente sulla scheda elettorale (che casualmente e curiosamente ha rispettato anche quello alfabetico – dopo Nicoletta Bellone – pubblicata ieri, martedì 7 giugno – presentiamo oggi il sindaco uscente Sergio Bossi, che si candida nuovamente sostenuto dal centrodestra, con i tre partiti tradizionali e altrettante liste civiche.

Ha un progetto per il centro storico, sia dal punto di vista della mobilità sia da quello commerciale, considerando che molte attività sono state costrette a chiudere negli ultimi anni?
«Borgomanero è da sempre una importante anima commerciale dell’Alto Novarese. E’ nostra intenzione, soprattutto in questo periodo di crisi post Covid, potenziare le iniziative per il sostegno del commercio cittadino in sinergia e con la collaborazione delle associazioni di categoria. Confermeremo le regole di intervento urbanistico nei centri storici cittadini che permettano la semplificazione degli interventi edilizi e la localizzazione di attività commerciali e di servizio anche mediante lo studio di forme di sgravi fiscali e o contributi all’insediamento».

Borgomanero ha ancora una vocazione industriale e se sì dove dovrebbe essere collocata un’area specifica?
«Abbiamo portato a compimento due piani di insediamento produttivo: a sud (Pip Resega) e a nord (Area Beatrice) della città. A breve, queste aree permetteranno l’insediamento di nuove attività garantendo nuove assunzioni  di personale. Queste sono aree Apea (Aree produttive ecologicamente attrezzate) che mantengono la città in linea con i dettami del risparmio energetico e della salvaguardia dell’ambiente».

Come vede la città fra cinque anni?
«Esattamente come l’abbiamo programmata durante il nostro mandato amministrativo, vale a dire una città fondata su agevolazioni fiscali, incentivando i giovani, come già fatto in questi ultimi anni con il nostro regolamento comunale, le start up e la riattivazione delle attività commerciali. Promozione del territorio, sviluppo urbanistico, riuso degli edifici storici sono gli obiettivi per costruire una città più vivibile e a misura d’uomo. A queste aggiungiamo i vecchi e nuovi progetti infrastrutturali che daranno ampio respiro anche interregionale alla nostra città».

Leggi anche

Elezioni Borgomanero. Nicoletta Bellone: «Riorganizzare la Ztl in centro e attrarre realtà economiche artigianali»

Elezioni Borgomanero. Roberto Faggiano: «Rilanciare il commercio e fare rete con tutti gli attori produttivi»

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL