«Stop alle donazioni, abbiamo sangue in eccedenza»

«Stop alle donazioni, abbiamo sangue in eccedenza». Il contro appello arriva direttamente dal direttore della Medicina trasfusionale dell’ospedale Maggiore di Novara, Gennaro Mascaro. Nei giorni scorsi, a livello nazionale, sono stati lanciati inviti a donare il sangue e moltissimi donatori non abituali si sono fatti avanti. Ma in questo momento non serve, gli ospedali del quadrante sono abbondantemente coperti, come spiega Mascaro:

[the_ad id=”62649″]

 

«L’emergenza attuale è stata superata grazie al coinvolgimento dei donatori abituali, che chiamiamo direttamente noi e stiamo già frenando con chiamate contingentate, anche attraverso le associazioni del territorio. Il sangue servirà nuovamente ad aprile, quando riprenderà la normale attività delle sale operatorie».
Lo stesso messaggio è stato lanciato anche dalla pagina Facebook di Avis Novara.

Il primario dà anche i numeri dell’eccedenza: «Domenica scorsa mi sono confrontato con i colleghi dei centri trasfusionali del Piemonte e abbiamo calcolato che abbiamo 600 sacche in eccedenza sul territorio regionale, anche al netto di quelle già inviate nei centri del Lazio e della Sardegna con cui siamo convenzionati. E’ quindi chiaro che in questo momento non ce n’è bisogno, anzi il rischio sarebbe quello di raccoglierne troppo e che vada poi in scadenza. Sarebbe un vero spreco».

L’invito quindi è di «rimanere a casa e di rimettersi a disposizione quando le sale operatorie riprenderanno la normale attività».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL