Sacri Monti: foto e mappe in un database open source sviluppato con l’università di Bologna

Grazie alle informazioni su ogni edificio di ciascun complesso devozionale dei Sacri Monti le foto diventano più ricche e subito disponibili

Le foto dei Sacri Monti patrimonio UNESCO scattate da visitatori e pellegrini insieme ai documenti, alle immagini satellitari e alle mappe per creare un database open source sul modello di Wikipedia. Grazie a OpenStreetMap, che consente di creare cartografie su base garmin i dati registrati da dispositivi GPS, le informazioni su ogni edificio di ciascun complesso devozionale dei Sacri Monti diventano più ricche e subito disponibili.

«Il progetto rientra nell’accordo stipulato tra l’Ente di Gestione dei Sacri Monti e l’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna, che hanno unito le forze per progetti di ricerca e valorizzazione sul patrimonio artistico di interesse comune – ha spiegato la presidente dell’Ente, Francesca Giordano – Bologna è sito di interesse UNESCO per i portici, fra i quali ha particolare rilievo anche il portico che porta alla basilica bolognese di San Luca. A ottobre dello scorso anno una delegazione del Dipartimento delle Arti dell’Università bolognese ha visitato il nostro Centro di Documentazione dedicato ai Complessi devozionali europei per approfondire il progetto dell’Atlante dei Sacri Monti, Calvari e Complessi devozionali europei che documenta 1812 siti in tutta Europa, tra cui appunto anche quello della basilica bolognese. Da lì è nata la collaborazione che ha portato allo sviluppo di questo bel progetto di mappatura che sfrutta geolocalizzazione e GPS».

La realizzazione dell’attività è stata affidata alla dottoressa Laura Baggiani, studentessa del corso di laurea magistrale in “Beni archeologici, artistici e del paesaggio”, che sta svolgendo un tirocinio di 300 ore presso il Centro di documentazione dei Sacri Monti e presso la sede di Crea a Ponzano Monferrato. Baggiani ha poi approfondito le tematiche collegate ai Sacri Monti anche nella tesi di laurea che sta scrivendo sulle tecniche di protezione preventiva per i beni culturali in caso di eventi avversi, consultando la documentazione del Centro studi Maniscalco di Rosignano Monferrato.

Il progetto è stato seguito dalla professoressa di Museologia e Critica artistica e del restauro dell’Università di Bologna Donatella Biagi Maino e dal responsabile della Biblioteca del Centro di Documentazione dei Sacri Monti, Franco Andreone.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL