Proposta shock di Fondazione Carolina: «Censurare Squid game, giochi mortali emulati dai ragazzi»

Lanciati una petizione su Change.org e appelli all'AgCom e al Garante dell’Infanzia e dell’adolescenza contro la serie coreana «dopo una serie di segnalazioni allarmanti»

Proposta shock di Fondazione Carolina, che propone di «censurare Squid game, contro i giochi mortali emulati dai ragazzi» e ha lanciato una petizione su Change.org, appellandosi all’AgCom e al Garante dell’Infanzia e dell’adolescenza. Nel mirino della Onlus, intitolata alla giovane oleggese prima vittima di cyberbullismo, c’è la serie coreana Netflix con ascolti record in cui le persone affrontano delle prove e in caso di fallimento pagano con la vita.

«Ci riteniamo una realtà propositiva, lo confermano le collaborazioni con i colossi del web nell’ottica della prevenzione e del supporto ai ragazzi e alle famiglie – spiega il Segretario generale, Ivano Zoppi – ma di fronte allo sgomento di mamme e maestre delle scuole materne non bastano i buoni propositi, serve un’azione concreta». La Fondazione afferma di aver ricevuto «decine di segnalazioni che gli esperti per la sicurezza e il benessere digitale delle nuove generazioni hanno raccolto da tutta Italia. “Mio figlio ha picchiato la sua amichetta mentre giocava a Squid Game”. “A mia figlia hanno rovesciato lo zaino fuori dalla finestra dell’aula perché ha perso a Squid Game, non vuole più uscire di casa. “I miei figli non sono stati invitati alla festa del loro compagno, perché non vogliono giocare a Squid Game”».

La stessa Netflix suggerisce la visione della serie coreana per utenti sopra i 14 anni di età, eppure Squid Game impazza tra i giovanissimi. Il passaparola è inarrestabile, tanto che la serie diventa virale, anche tra i più piccoli. «Alcuni genitori, minoranza silenziosa, hanno impostato correttamente i parental control; sulle piattaforme streaming, sui device usati in famiglia e addirittura sul modem casalingo, eppure le informazioni viaggiano in rete con una facilità sconcertante. Così, anche se non hai l’abbonamento a Netflix, il fenomeno Squid Game pervade il quotidiano dei bambini attraverso i “per te” di TikTok – spiega la Fondazione – ovvero i contenuti consigliati dal social network più popolare tra i giovanissimi. Un accerchiamento che passa per tutte le principali media company, da Facebook a Youtube, da Twitch a Instagram, passando per WhatsApp e Telegram».

«Sulla piattaforma Change.org è possibile firmare la petizione per bloccare questo contenuto, micidiale per gli utenti più giovani e fragili – denuncia Ivano Zoppi – Come Fondazione Carolina ci siamo già attivati con l’AgCom, nell’ambito della nostra collaborazione con Corecom Lombardia, mentre abbiamo chiesto di incontrare il Garante Infanzia e Adolescenza per rappresentare il disagio vissuto da tante famiglie a fronte di questo fenomeno. Un appello allargato anche alla Commissione Parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. In qualità di educatore, non entro nel merito del prodotto televisivo, ma giudico gli effetti preoccupanti di questa produzione sulle nuove generazioni. Prima di capirne i motivi, però, è importante comprendere come mai, ancora una volta, quegli argini a tutela dei più piccoli non hanno retto. Ancora una volta. A questo punto, l’unica soluzione possibile – sottolinea Zoppi – sembra la censura vecchio stampo. Qualcuno storcerà il naso, ma oramai sembra l’unico strumento possibile a difesa del principio di incolumità dei minori».

Nel frattempo la Fondazione ha realizzato la seguente scheda educativa:

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni