Presentato al Castello il Cipm Piemonte

Fondato a Milano nel 1995 da criminologi, sociologi, psicologi, operatori sociali e magistrati, il Centro italiano per la promozione della mediazione in oltre 25 anni si è poi sviluppato sul territorio aprendo sedi decentrate in altre regioni italiane e dallo scorso mese di maggio è operativo anche in Piemonte avendo come “base” la nostra città

Dallo scorso mese di maggio si è costituito anche in Piemonte, avendo come sua sede la città di Novara (in via Gnifetti 94), il Cipm, Centro italiano per la promozione della mediazione. Costituito inizialmente a Milano nel 1995 per iniziativa di un gruppo di criminologi, sociologi, psicologi, operatori sociali e magistrati, in oltre 25 anni di attività ha poi avuto modo di aprire sedi decentrate nel resto della Penisola, oltre ad altri centri in Lombardia come Pavia e Bergamo.


Ma cos’é il Cipm? Rappresenta la prima presenza organizzata per la formazione e la diffusione delle pratiche di mediazione e di gestione delle condotte violente, avendo come “mission” un proprio intervento “nella gestione delle situazioni violente, conflittuali e di stress elevato attraverso il trattamento psicoeducativo degli autori, il sostegno psicologico e legale alle vittime, il ricorso a percorsi di mediazione e giustizia riparativa”. Interventi rivolti a soggetti tanto minorenni che adulti prima di tutto a livello di prevenzione primaria e poi secondaria nella gestione di reati sessuali e crimini violenti, pedofilia, pedopornografia, bullismo e cyberbulismo, violenza assistita. Il tutto confrontandosi con simili modelli già esistenti nel resto dell’Europa e in Nordamerica.


Cipm Piemonte, presentato nella mattinata di mercoledì 7 luglio al Castello Visconteo Sforzesco, è guidato da Luca Bollati, psicologo, giudice onorario presso il Trunale per minorenni di Milano ed esperto nel trattamento di autori di reato. Sua vice e tesoriera Paola Maggiori, psicologa clinica e tra l’altro esperta su tematiche riguardanti bullismo, cyberbullismo, adescamento e violenza assistita. Segretaria è l’avvocato Elisabetta Lombi, mentre la nutrita (e quasi totale) componente femminile è testimoniata dal resto del consiglio, del quale fanno parte la criminologa e investigatrice Marilena Guglielmetti, altre due avvocate come Sara Bertoluzzo e Teresa Luana Nigito, e la giurista Ornella Obert.


Nel corso dell’incontro sono intervenuti a portare il loro saluto e una testimonianza il questore di Novara Rosanna Lavezzaro, ma in particolare il vicesindaco di Novara e assessore ai Servizi sociali Franco Caressa, che ha ricordato tra l’altro alcune iniziative che hanno visto il Comune coinvolgere i detenuti in servizi di pubblica utilità.


Fra le sue attività il Cipm può infatti vantare numerosi progetti grazie alla partecipazione a bandi anche europei che hanno riguardano tra le altre cose percorsi di trattamento per autori di reati a sfondo sessuale e maltrattamento, l’attivazione di sportelli d’ascolto, percorsi di meditazione e interventi di prevenzione primaria.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni