Attualità

Masterplan Malpensa, Rossi: «Serve una linea comune per affrontare il tema e fare giuste osservazioni»

Il consigliere regionale Domenico Rossi commenta le affermazioni di Marnati: l'assessore ha dichiarato di essersi preso l'impegno di rivolgersi al Ministero dell'Ambiente per affrontare la tematica

«La presa di posizione dell’assessore Marnati sulla scadenza, al momento fissata per il 5 settembre, per le osservazioni al Masterplan di Malpensa è una buona notizia”. Così il consigliere regionale Domenico Rossi commenta la presa di posizione di Matteo Marnati sulla questione Masterplan Malpensa: l’assessore regionale scriverà al Ministero dell’Ambiente per ripartire dall’inizio e affrontare il progetto proposto da Enac e Sea.

 

 

Il tema era già arrivato in Regione con una interrogazione e una mozione proprio di Rossi, rimasto deluso dalla risposta di Marnati, che ha dichiarato che avrebbe preso in carico la questione qualora necessario.

«Evidentemente – ha detto il consigliere Dem – il lavoro svolto in queste settimane dai Sindaci del territorio, dalla Provincia di Novara, dal Covest e dagli esponenti del Partito Democratico ha raccolto l’attenzione dell’assessore che aveva dato poco peso sia all’interrogazione che gli avevo rivolto lo scorso 14 luglio sia alla mozione presentata il 21 luglio la cui discussione è stata rimandata al prossimo consiglio, l’ultimo prima della pausa estiva».

Proprio venerdì infatti, 31 luglio, si è tenuto in Provincia un incontro con il Coordinamento alla presenza dei comuni di Marano Ticino, Oleggio, Bellinzago Novara, Pombia, Varallo Pombia, Castelletto Ticino, Cameri, Covest, Arpa e l’Ente Aree protette; presente anche il Comitato di Varallo Pombia in veste di uditore. Risultato dell’incontro la scelta di trovare un consulente per poter lavorare a eventuali osservazioni nel caso non si riuscisse a prorogare la data del 5 settembre.

«Mi auguro che sull’approvazione della mozione non ci siano intoppi e che tutte le forze politiche concordino sull’importanza di prendere una posizione rispetto ad un progetto che avrà un consistente impatto sul novarese ed in particolare sull’Ovest Ticino» Ha spiegato Rossi. «Non è sufficiente chiedere lo spostamento della data per di consegna delle osservazioni, la Regione produca le proprie e più in generale auspichiamo che l’assessore sappia cogliere l’occasione tutta politica di dare maggior peso al Piemonte sulle scelte relative allo scalo aeroportuale di Malpensa sanando, peraltro, l’ingiustificabile esclusione dei comuni novaresi dalla commissione aeroportuale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati