Comunali Arona e altri 5 centri: spoglio dalle 9 di martedì mattina
21 settembre 19:44
Referendum, Provincia di Novara definitivo: SI 97.730 voti (69,68%); NO 42.532 voti (30,32%)
21 settembre 18:44
Referendum, affluenza definitiva: Italia 53,84%, Piemonte 51,55%, Provincia 50,48%, Novara città 47,28%
21 settembre 18:39
Referendum, NOVARA definitivo: SI 67,61%; NO 32,39%
21 settembre 17:55
Referendum, a Trecate (definitivo): SI 74,65%; NO 25,35%
21 settembre 17:28
Referendum, a Galliate (definitivo): SI 73,17%; NO 26,83%
21 settembre 17:22
Referendum, a Cameri (definitivo): SI 74,31%; NO 25,69%
21 settembre 17:09
Referendum, a Borgomanero (definitivo): SI 67,53%; NO 32,47%
21 settembre 16:58
Comunali, affluenze definitive: Arona 59,71%, Invorio 67,20%, Garbagna 70,62%, Bogogno 69,96%, Vaprio 71,51%, Vinzaglio 74,74%
21 settembre 16:09


Attualità In città In Piemonte In provincia

Masterplan Malpensa, è arrivato il giorno per consegnare le osservazioni, ma c’è già anche un piano B

Gli enti locali novaresi hanno inviato proprio oggi, venerdì 4 settembre (scadenza fissata al 5), le osservazioni al Masterplan, il progetto 2020-2035 di Malpensa. Nella giornata di ieri il vicepresidente Michela Leoni ha avuto anche un contatto con il Ministero dell’Ambiente

Un contatto con il Ministero dell’Ambiente c’è stato proprio nella tarda mattinata di ieri, giovedì 3 settembre. Un contatto che non ha avuto esiti particolari e così gli enti locali novaresi hanno inviato tutte le loro osservazioni al Masterplan Malpensa 2020-2035. «Non abbiamo avuto una indicazione univoca, dal Ministero ci hanno detto che avrebbero inviato ad Enac qualcosa in merito al nostro coinvolgimento come Provincia, ma non ci è stato detto in che termini. Per cui noi proseguiamo» dice il vicepresidente della Provincia Michela Leoni con delega a Trasporti e Mobilità.

 

 

Gli enti hanno fatto una corsa contro il tempo, affidando gli studi al tecnico Paolo Nuvolone, che ha redatto una serie di osservazioni nell’arco di un mese. Ma è scontro aperto con il Ministero perché gli enti sottolineano una costante mancanza di comunicazione nei loro confronti. «Nel documento ci sono le firme di tutti i sindaci legittimati a poter esprimere una opinione, – dice Leoni – a oggi non abbiamo una risposta, ma valuteremo un passo alla volta, non escludiamo un ricorso al Tar. Tra le osservazioni il primo punto è l’illegittimità di una mancata comunicazione, se come Piemonte e Ovest Ticino non ci considerano partner, allora è come essere fuori da ogni conferenza dei servizi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati