Le ceneri degli animali di affezione tumulate con le spoglie del padrone. La proposta della Regione

Chiesta la modifica della legge regionale 15 del 2011 in materia di servizi cimiteriali e di cremazione

Una proposta di legge per consentire che le ceneri degli animali di affezione possano essere tumulate insieme con le spoglie del loro padrone. A presentarla è il consigliere di Alessandria del gruppo Lega Salvini Piemonte Daniele Poggio (in foto), chiedendo la modifica della legge regionale 15 del 2011 in materia di servizi cimiteriali e di cremazione.

«Ho voluto dare questo mio contributo al più ampio dibattito d’aula sugli animali di affezione -ha spiegato il consigliere Poggio – raccogliendo le sollecitazioni che mi sono arrivate da diverse associazioni, oltre che da semplici cittadini. Il rapporto che si instaura tra un essere umano e il proprio cane, il proprio gatto o qualunque altra creatura che si è scelta come compagna di vita credo sia uno dei sentimenti più profondi e disinteressati della vita. Penso a percorsi sanitari come quelli della pet therapy e penso anche alla compagnia garantita ai nostri anziani nel contrasto alla solitudine. E allora mi sono chiesto perché non eternare questo legame anche dopo il fine vita, ovviamente nel rispetto di tutti gli obblighi di legge. Con questa proposta si potrà quindi tumulare nel loculo o nella tomba l’urna separata contenente le ceneri dell’animale insieme con il feretro del padrone. Una decisione che potrà essere presa richiedendola in vita o per volontà testamentaria oppure lasciata alla scelta degli eredi».

«Una novità – ha concluso Poggio – che metterà il Piemonte al passo dei provvedimenti già approvati da Regioni come la Liguria e la Lombardia. Sono certo che il nostro assessore Chiara Caucino dimostrerà la propria sensibilità a favore di una norma che mi pare onorare nel modo più alto l’amore verso i nostri amici animali».

«Moltissime persone, soprattutto gli anziani e i fragili – ha spiegato l’assessore regionale alla Famiglia, con delega al Benessere Animale, Chiara Caucino – trascorrono parte della loro esistenza insieme ai loro inseparabili amici, che molto spesso rappresentano l’unica compagnia di cui dispongono, tanto da considerarli veri e propri componenti della famiglia. Si tratta, infatti, di compagni di una vita, creature fedeli che aiutano psicologicamente e sostengono i propri padroni, crescono insieme ai loro figli, creando rapporti simbiotici addirittura, in alcuni casi, più forti di quelli fra umani. L’autorizzazione alla loro tumulazione nella tomba del proprietario rappresenterebbe, quindi, un gesto dal grande valore simbolico, oltre che di sensibilità e civiltà».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL