Donazione per Emmaland dai Vigili del fuoco del Conapo

«Vigili del Fuoco lo si è sempre; lo siamo dentro e fuori le caserme, lo siamo quando sorridiamo ai bambini e li salutiamo, lo siamo quando cerchiamo di aiutare gli altri. E oggi siamo qui a fare quello che meglio sappiamo fare: dare una mano». Con queste parole Michele Pipitone, segretario del Conapo Novara (il sindacato autonomo dei vigili del fuoco), commenta la visita che, con una delegazione di colleghi, ieri ha fatto a Emmaland, a Maggiate Superiore, la “casa sogno” di Emma, costruita dalla bambina durante i lunghi mesi di degenza all’ospedale Regina Margherita, dove era stata ricoverata per una forma di leucemia.

 

[the_ad id=”62649″]

 

Emma non c’è più, il male l’ha vinta nel maggio del 2018 quando non aveva compiuto ancora 5 anni.

A dicembre di quell’anno era stata allestita una mostra dei “set” lego che la bambina aveva costruito e il successo di quella mostra ha dato vita all’associazione “Emmaland”, fondata dai genitori e dai parenti più stretti della bambina.

L’associazione a scopo benefico, è nata per raccogliere fondi destinati a migliorare la vita di bambini (e genitori) che devono affrontare il difficile percorso di guarigione da malattie oncoematologiche.

“Eliminare le malattie immunodepressive non sarà possibile – si legge sul sito dell’associazione –  Rendere il percorso di guarigione più facile da affrontare si”.

«Ci tenevamo tanto ad aiutare questa neonata associazione – commenta Alessandro Basile, vice segretario regionale del Conapo – Per noi questo è un nuovo modo di fare sindacato; i fondi raccolti da Emmaland verranno donati all’ospedale Maggiore e il nostro contributo di 500 euro non è che uno dei tanti mattoncini necessari per costruire una realtà di serenità, durante un percorso purtroppo difficile e doloroso».

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *