Didattica a distanza alternata a scuola: «Attiva dal primo giorno, abbiamo avuto ragione»

«Didattica a distanza in modo alternato, da noi è attiva dal primo giorno di scuola. Siamo contenti di questa scelta, significa che abbiamo avuto ragione». E’ il preside dell’Iti Omar Francesco Ticozzi a commentare la nuova ordinanza regionale che prevede l’obbligo di didattica a distanza alternata così da avere nelle scuole il 50% degli studenti.

 

 

«Abbiamo lavorato una estate intera per scegliere la modalità migliore per i ragazzi, circa 1.600 in tutto, – dice Ticozzi – e avevamo messo in conto che a ottobre e novembre ci sarebbero stati problemi». Problemi però che l’Omar ha gestito al meglio: «Finora abbiamo registrato quasi casi e tutti accertati extraascolastici, è un segnale per dire che la scuola sta lavorando bene. La Regione è forse arrivata un pochino tardi su questo aspetto, ma conta il risultato finale».

Le scuole hanno tempo fino a domenica di adeguarsi con la Dad, da lunedì tutti operativi in tal senso. Ticozzi è anche contento che l’ingresso a scuola alle 9 sia stato tolto: «Anche con i trasporti il dialogo è costante, abbiamo lavorato per gli orari tra le otto e le nove, ora pensare di stravolgere tutto sarebbe stato impossibile».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni