Cerotti intelligenti e bacche mangia inquinamento: così l’Omar si distingue per la genialità

Cerotti intelligenti e bacche mangia virus: così l’Omar si distingue fra le scuole. L’istituto novarese si è aggiudicato il primo e il secondo posto del Premio “Storie di alternanza”, iniziativa promossa dal sistema camerale e a cui aderisce anche la Camera di Commercio di Novara. L’Omar ha fatto doppietta nella categoria istituti tecnici e professionali con due progetti.

Quello che ha vinto e che la prossima settimana parteciperà alla finale nazionale, è stato proposto da alcuni studenti che ora frequentano la 5A Chimica: “Chimica inossidabile e cerotti intelligenti”, ossia cerotti in grado di misurare in poco tempo febbre e temperatura corporea. Il progetto arrivato secondo, realizzato da studenti sempre di chimica ma che era frequentano la 4A, è di carattere ambientale: “Chimica supramolecolare una soluzione per l’ambiente” e riguarda l’utilizzo di alcune bacche per rimuovere l’inquinamento. Per i vincitori un premio in denaro da spendere per materiale scolastico: 750 euro ai vincitori, 500 ai secondi.

La finalissima nazionale, che coinvolgerà altre due scuole, è prevista per giovedì 26 novembre a partire dalle 15 in occasione della Fiera “Job&Orienta”, quest’anno interamente online, e sarà visibile in streaming sui social della Fiera e di Unioncamere. 

 

 

«E’ un grande risultato per la scuola e per i ragazzi che hanno partecipato, – dice il preside Francesco Ticozzi – si è valorizzato il lavoro dell’istituto e ne siamo felici. E’ importante, in questo periodo ancora di più, valorizzare i ragazzi e per questo il grazie va in modo particolare a Celestino Fontaneto, l’insegnante che ha seguito entrambi i progetti. Al momento ci sono ancora dubbi sulla prossima alternanza scuola lavoro, se si farà, come, ma di fatto rappresenta una materia in più, richiede impegno ed è bello vederlo premiato». E in merito ai progetti: «Sono entrambi innovativi, – dice il preside – quasi è strano che nessuna azienda abbia ancora pensato di rendersi disponibile per i cerotti. In quanto alle bacche è un progetto sperimentale e utile: i ragazzi hanno visto che la bacca in questione, che assorbe gli inquinanti, è presente in quantità elevata proprio sull’Allea».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni