Anche l’Omar in campo per l’emergenza

Anche l’Omar scende in campo per l’emergenza. E lo fa, mettendo a disposizione il suo bagaglio di conoscenza e competenze in campo tecnologico. Il dirigente dell’istituto e i docenti hanno in pratica raccolto una sorta di “sfida” perché tutto, in realtà è iniziato con una mail di una start up «nella quale – dice Francesco Ticozzi, dirigente dell’istituto tecnico novarese- si diceva che si poteva modificare una normale maschera da sub in modo da farla diventare una maschera per aiutare nella respirazione gli addetti che operano in ospedale».

 

[the_ad id=”62649″]

 

Hanno informato l’ospedale e «domenica scorsa ci hanno contatto per darci il via libera».

A quel punto la “macchina operativa” si è messa in moto.

«Con la stampante 3D abbiamo realizzato un paio di prototipi e siamo riusciti, con gli insegnanti dei dipartimenti di Elettronica e Meccanica, a montare la maschera; l’ultimo modello, che ho consegnato oggi, è a posto ed è già stata individuata, tramite partenariato, una ditta che le può produrre».

«Noi – conclude Ticozzi – facciamo un po’ da hub, abbiamo cercato di mettere insieme più enti per fare rete e gestire questa emergenza».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

2 risposte

  1. Il prototipo é brevettato da ISINNOVA (https://www.isinnova.it/easy-covid19/ ) che lo hanno creato e reso disponibile ai maker gratuitamente per stamparli in 3D!
    Io sono un ex omarista e mi dispiace che per farsi pubblicità si debba arrivare a questo!
    Da maker e perito mi sto impegnando nello sviluppo di un maker space all’ex caserma Passalaqua (http://casermapassalacqua.it/) ci siamo iscritti anche noi alla lista di possibili fornitori avendo a disposizione 4 stampanti (8 adattatori ogni 14h di stampa).

    1. Ciao Mattia, dopo aver letto il tuo commento sono andato ad informarmi su più fonti locali e non.
      Effettivamente la notizia è abbastanza concentrata, ma il tuo commento sembra uno SPAM alla tua attività creando ulteriore incompletezza e disinformazione.
      Ovvio che in questo momento di emergenza in più si è, meglio è.
      Leggendo sulle altre fonti, il “bagaglio di conoscenza e competenze in campo tecnologico”, sono stati usati per apportare modifiche di produzione a livello produttivo.
      Lo stesso Istituto cita più volte chi è stato il creatore originario del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni