Arrivato nel cielo del Sole, Dante si concede di confrontare la gioia esaltante della beatitudine con gli effimeri piaceri del mondo. È una condanna radicale della società utilitaristica del denaro, delle banche e degli affari, la società dell’inganno e della morale meschina, della Chiesa in cui si è rifugiata la cupidigia della lupa, annidata nella nuova sede pontificia ad Avignone.

Ma alla logica mercantile del denaro non ci si può opporre se non con una scelta rivoluzionaria e in modo scandaloso.

La vita di San Francesco d’ Assisi è inquadrata in una cornice profetica: la sua nascita e la fondazione dell’Ordine rientrano nel disegno provvidenziale di Dio, che chiama il campione della fede e dell’amore (insieme a San Domenico) a sostenere la Chiesa corrotta del suo tempo.

Ma Dante è uno scrittore che ha il dono di capire quando ci si trova davanti ad una personalità eccezionale, e del santo di Assisi crea forse il migliore dei suoi ritratti indimenticabili.

Non cercate nei versi del canto 11 del Paradiso le scene dell’agiografia tradizionale: niente miracoli, niente allodole né il lupo di Gubbio; nemmeno i contrasti interni all’ Ordine francescano, che resero amarissimi gli ultimi anni di vita di Francesco. Il santo ritratto da Dante non è il poverello di Assisi mansueto e docile, ma un fiero e solitario personaggio dalla tempra combattiva, che ha regalmente presentato la sua Regola al papa e ha predicato il Vangelo tra gli infedeli in Oriente.

Ed è soprattutto un uomo che ha scelto come sposa, contro il parere della famiglia, una donna a cui ‘la porta del piacer nessun disserra’; una donna da tutti ‘dispetta e scura’, ma che suscita pensieri santi e consente tanta pace: Madonna Povertà.

Quella di Francesco era una cristianità essenziale, vicina agli ultimi; non è mai salito su un pulpito avvolto in abiti preziosi, non ha chiesto sacrifici e rinunce senza prima imporli a se stesso. Si è spogliato dei suoi privilegi per incarnare il messaggio di povertà e uguaglianza di Cristo, per rifondare le relazioni tra gli uomini su valori che non fossero il denaro e il potere.

L’imitazione di Cristo sofferente è stata esemplare: Gesù è nato povero in una stalla ed è morto nudo sulla Croce; Francesco si è spogliato delle sue ricchezze e ha voluto morire alla Porziuncola, nel grembo di Madonna Povertà: ‘e al suo corpo non volle altra bara’.

Ci ha lasciato un messaggio che risuona attuale, invitando all’umiltà come antidoto all’arroganza; a sentirci fratelli e a guardare al bene comune come reazione all’individualismo e al conformismo; ci esorta all’apertura al dialogo e al rispetto per la Madre Terra.

All’intero creato ha dedicato un ‘Cantico’ immortale, considerato il primo testo della nostra letteratura. E’ un richiamo alla bellezza del Sole, della Luna e delle Stelle; con parole semplici e immagini accessibili ci restituisce l’essenza dei fenomeni naturali e le qualità di vento, acqua e fuoco; della terra con i suoi fiori, erbe e frutti.

‘Laudato si’, o mio Signore, cum tucte le tue creature’. Non l’abbiamo capito il messaggio di Francesco, o meglio, lo abbiamo tradito: il mondo terreno non è un contenitore di risorse da sfruttare e non è riducibile al semplice dato naturale; è un mondo vitale nel quale si sviluppano relazioni e si definisce l’identità umana.

I versi del ‘Cantico’ implicano un rapporto di reciprocità tra l’uomo e tutti gli esseri viventi. La meraviglia del mondo, anche per chi non crede che sia opera di Dio, richiede di essere compresa nella prospettiva della comunione e della fraternità.

In tutto il mondo, anche in quello non cristiano, San Francesco esercita un singolare fascino. Non si può spiegare razionalmente, ma se passiamo nei luoghi in cui lui è vissuto, avvertiamo la sua presenza.

Immagine: Giotto, Basilica superiore di Assisi. La rinuncia agli averi. Fine Duecento

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Claudia Cominoli

Claudia Cominoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni