E’ in una luce crepuscolare che avviene il passaggio tra Malebolge e il IX cerchio, l’ultimo della voragine infernale e il più terribile nella sua tragica disumanità. Dante sente il suono acuto di un corno e gli sembra di scorgere una città circondata di torri, ma la lontananza e il buio ingannano gli occhi: si tratta di un pozzo profondo e intorno alle sue pareti dall’ombelico in su si sporgono dei giganti, emblemi della dismisura e della superbia dissennata degli uomini; Dante cerca di misurarne l’altezza, e il paragone è pur sempre con delle torri, quelle della cinta muraria di Monteriggioni e la Garisenda di Bologna.

Sono il gradino più basso della gerarchia dei guardiani infernali: immobilizzati, apatici e ottusi; nessuna intelligenza li connota a fronte della loro mole spropositata, sprofondati nelle viscere della terra per aver voluto accatastare montagne per avvicinarsi al cielo. Il poeta unisce Sacre Scritture e mito pagano e colloca nel pozzo Nembrot, l’architetto della Torre di Babele, che qui si agita e farfuglia parole che solo lui capisce; Fialte, che si scuote violentemente tentando di muovere le braccia che aveva alzato contro Zeus e l’Olimpo, fortunatamente bloccate da spesse catene. E infine Anteo, l’unico libero di muoversi, sulle cui enormi mani deve salire un angosciato Dante per essere deposto sul fondo del pozzo.

Il poeta lascia così l’ultima zona di frode e precipita in “un lago che per gelo / avea di vetro e non d’acqua sembiante”, alimentato dal fiume Cocito, dove sono imprigionati i traditori, induriti dal gelo dell’odio che nega l’amore e la vita: hanno infranto il vincolo naturale che lega gli uomini e la loro fiducia, lo hanno fatto con premeditazione tradendo i parenti, la patria, gli ospiti e i benefattori.

Non è un’impresa facile raccontare il “tristo buco” dell’universo e Dante chiede aiuto alle Muse perché gli forniscano “le rime aspre e chiocce”, i suoni duri e rauchi dell’unico livello stilistico adeguato ad esprimere la tremenda realtà del cuore umano che diventa pietra, sordo a qualsiasi sentimento.

Man mano che il poeta procede cresce l’orrore. Corpi lividi per il freddo, bocche che battono i denti, orecchie congelate che si staccano; alcuni dannati supini sono completamente intrappolati; chi riesce a tenere la testa fuori, ha i capelli aggrovigliati e irrigiditi e le lacrime si cristallizzano sul volto o nelle orbite, serrando dolorosamente le palpebre. Si lamentano, si esprimono con toni fastidiosi, ma nessuno vuole essere individuato e ricordato.

Le nostre corde più profondamente umane sono scosse dall’ultimo grande incontro dell’Inferno, quello con il conte Ugolino, sintesi del massimo dolore e del massimo odio, che rende incapace un padre di confortare i figli e lo trasforma in un cannibale che rode il cranio al suo nemico. Ma il lago è pieno di anime sommerse, e l’odio si attacca, tanto che dalla rabbia disumana non è esente nemmeno Dante: rimproverato da un dannato di avergli tirato un calcio in faccia, il poeta lo afferra per i capelli, strappandogliene una ciocca per costringerlo a rivelare la sua identità; la delazione di un altro svela il “perfido traditor” Bocca degli Abati, colui che nella Battaglia di Montaperti ha tradito i suoi concittadini. Ed è cinica e villana la promessa fatta, senza alcuna intenzione di mantenerla, di sciogliere le lacrime ghiacciate a Frate Alberigo, uccisore dei suoi ospiti.

Probabilmente esasperato dalla ferocia degli scontri e dei tradimenti della realtà comunale italiana, Dante escogita un’innovazione alle norme dell’aldilà: chi tradisce le leggi dell’ospitalità muore spiritualmente mentre compie l’atto, l’anima precipita subito nell’inferno, mentre il corpo continua a vivere.

E’ la condizione del nobile genovese Branca Doria che assassinò il suocero: mentre il suo spirito è già lì da qualche anno, il suo corpo “e mangia e bee e dorme e veste panni”.

Ironia della sorte, Branca Doria morì a più di 90 anni e sopravvisse a Dante, probabilmente leggendo divertito la condanna riservatagli.

Al Sommo Poeta non rimane altro che la soddisfazione di un’invettiva contro Genova, città di uomini pieni di “ogni magagna”, e si rammarica che non siano scomparsi dal mondo. Ma presto le parole gli muoiono in gola e l’orrore è destinato ad aumentare.

Sono le sette di sera del Sabato Santo. E lì a due passi c’è Lucifero.

[Immagine: F. Ferraris, Cocito, 1992]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Claudia Cominoli

Claudia Cominoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni