Il Cif compie 40 anni e festeggia con un concorso di poesia

Ha scelto un’iniziativa culturale il Cif, il Centro italiano femminile, per celebrare la sua storia. Le composizioni saranno raccolte fino al 31 agosto e sono a tema libero. Madrina del concorso: la figlia di Alda Merini

Il Cif, il Centro italiano femminile, compie 40 anni e festeggia con un concorso di poesia. L’iniziativa “La forza della parola” è stata presentata domenica 13 al musseo civico di Oleggio.  Il Cif di Oleggio per il suo 40° anniversario ha infatti voluto intraprendere un’iniziativa culturale destinata a durare nel tempo. Una proposta che acquista oggi un particolare duplice significato, a 700 anni dalla morte di Dante e in un momento di ripresa delle attività culturali interrotte dall’emergenza sanitaria.

La poesia è una forma espressiva praticata da molti e può rappresentare un’occasione anche per chi, alle prime armi, in questo momento di “rinascita” sente di voler sperimentare il potere della parola. La partecipazione al concorso è gratuita e avviene inviando entro il 31 agosto 2021 l’opera o le opere alla mail indicata nel regolamento (concorsocif.laforzadellaparola@gmail.com). 

Il bando e la modulistica sono scaricabili dal sito del Comune di Oleggio (www.comune.oleggio.no.it), dalla pagina Facebook Amiche del CIF, ma sono anche disponibili, in versione cartacea, in biblioteca civica – vicolo Chiesa, 3 – Oleggio. 

Le opere devono essere inedite, anonime e a tema libero. E’ consentito partecipare con una poesia per ogni sezione: una esclusivamente in lingua italiana e la seconda, in lingua italiana o in dialetto oleggese, per la sezione in memoria di Umberto Nobile, poeta oleggese scomparso un anno fa. Intenzione delle organizzatrici è di pubblicare le migliori opere che saranno selezionate a insindacabile giudizio della Giuria composta da sei professioniste della parola, dell’arte, della lettura e dell’interpretazione:  Federica Mingozzi, docente ed esperta d’arte nel ruolo di presidente, Anna Lavatelli scrittrice, Maria Paola Arbeia giornalista, Mariagrazia Pia poetessa, Giulia Viana attrice e drammaturga, Lara Gobbi bibliotecaria.

Madrina del concorso è la figlia della poetessa Alda Merini, Emanuela Carniti, che presenzierà in autunno alla premiazione finale. La serata di lancio del concorso è stata una prima occasione particolarmente mirata e fortemente partecipata: la performance, dedicata alla famosa rilettura di “Spoon River” realizzata dal grande De André nell’album “Non al denaro non all’amore né al cielo”, ha visto come interpreti Marco Belcastro e Christian Poggioni e ha contemplato la lettura di diversi testi poetici, compresi alcuni della grande poetessa Merini. 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: