Mercato del Macello, bruciata la panetteria: «Non è la prima volta che vengo presa di mira»

Mercato del Macello, bruciata la panetteria. È accaduto nella tarda serata di ieri (mercoledì 21 aprile), ma la titolare ha scoperto tutto soltanto questa mattina. Sull’episodio sta indagando la questura. «Mi è stato riferito che è stata una persona che vive nel palazzo qui accanto a chiamare i vigili del fuoco e le forze dell’ordine attorno alle 23,30 – spiega Tiziana Biffi – Stava guardando la televisione e si è accorta di strani rumori provenienti dalla strada. Questa persona, che ringrazio moltissimo, si è affacciata e ha visto le fiamme e ha subito dato l’allarme. A quell’ora stavo già dormendo e solo stamattina ho visto che avevo una chiamata persa, ma non conoscevo il numero e non gli ho dato molto peso. Quando sono arrivata qui ho trovato tutto distrutto e poco dopo ho realizzato che era la questura che aveva cercato di avvisarmi dell’accaduto».

 

Mentre osserva gli agenti della polizia scientifica al lavoro Biffi commenta: «Che disastro, ci vorrà almeno un mese per sistemare tutto e riaprire. Per fortuna che almeno c’è l’assicurazione».

Nessun danno agli altri box fissi presenti in piazza Pasteur: volevano colpire solo la panetteria? «Non è la prima volta che mi capita di trovare brutte sorprese – continua Biffi – Non molto tempo fa mi hanno imbrattato la saracinesca con degli insulti. E prima ancora mi ero trovata da un giorno all’altro con un nido di topi sotto al box. Mi viene da pensare che anche quell’episodio non fosse casuale. Mio figlio si è spaventato molto dopo quello che è successo stanotte. Ora se ne occuperà la polizia, voglio andare fino in fondo».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL