Volley, pronostico rispettato: la Igor si giocherà la Coppa Italia contro Conegliano

La Prosecco Imoco ha superato in quattro set una Unet e-work Busto Arsizio che esce a testa altissima dal PalaEur di Roma. Mvp Egonu (32 punti). Smentite dalla società novarese alcune notizie comunicate da Rai Sport riguardanti presunti sintomi influenzali che avrebbero colpito una giocatrice

Sarà ancora una volta Igor Novara – Conegliano la sfida che metterà in palio la Coppa Italia di A1 del volley femminile. Per la quarta volta in cinque anni azzurre e gialloblu trevigiane si ritroveranno davanti per conquistare il secondo trofeo nazionale. L’apputamento è per oggi pomeriggio, con collegamento dal PalaEur di Roma con diretta su Rai Due a partire dalle 17.05, mentre il fischio d’inizio è alle 17.30.


Epilogo atteso, anche se si è giunti al termine di un percorso inaspettato e che fin da ieri mattina, ha provocato diverse reazioni sui social. Da una parte la Igor Novara (nella foto d’archivio di Santi) si è trovata catapultata direttamente in finale a causa del “forfait” imposto alla Reale Mutua Fenere Chieri, bloccata per un eccessivo (quattro rispetto al massimo di tre consentito dai protocolli Fipav) numero di atlete risultate positive al Covid, dall’altra parte le “pantere” trevigiane hanno forse dovuto soffrire più del dovuto per avere ragione in quattro set di una Unet e-work Busto Arsizio. Le “farfalle”, dopo l’impresa di lunedì sera sul terreno di Scandicci che ha consentito loro di ottenere l’ultimo pass per la manifestazione nella capitale, hanno venduto cara la pelle al cospetto delle ragazze di Daniele Santarelli, riuscendo a imporsi nel secondo parziale ai vantaggi (26-24) e cedendo nel quarto 25-23 al cospetto di un sestetto dove ha giganteggiato la solita Paola Egonu, autrice di ben 32 punti ed eletta Mvp della gara.


In casa novarese il riposo forzato è stato vissuto con sportivamente con dispiacere: «Avremmo preferito conquistare la finale sul campo – ha detto capitan Cristina Chirichella – Ora ci aspetta una gara dove avremo l’opportunità di giocarci un trofeo importante, il primo del 2022, e daremo il massimo per raggiungere questo obiettivo».

La partita Conegliano – Busto? «Ha dimostrato che chiunque avesse vinto sarebbe stato un osso duro da affrontare, come lo sarebbe stato con Chieri in semifinale. Quando si arriva a questi appuntamenti ogni partita è una sfida a sé. La Imoco è un avversario con cui ci si conosce bene per le tante sfide di questi ultimi anni. Siamo consapevoli che per riuscire a vincere servirà una partita senza sbavature, al limite della perfezione. Siamo concentrate a determinate, vogliamo provare a iniziare il nuovo anno sul campo nel migliore dei modi».


Nel frattempo la società novarese ha voluto smentire quanto comunicato nella giornata di ieri in un paio di occasioni da parte di un giornalista di Rai Sport circa presunti sintomi influenzali che avrebbero colpito una sua atleta. Tutte le giocatrici sono risultate negative ai tamponi di controllo e prenderanno parte alla gara di oggi. Ogni notizia diversa, ha reso noto l’ufficio stampa della Igor, “era priva di fondamento. Un comportamento, questo, che riteniamo scorretto e per nulla consono al momento che tutti stiamo vivendo”.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL