Volley, la Igor di prepotenza a Chieri ma chiude ugualmente al secondo posto

Le ragazze di Lavarini si aggiudicano in tre set il “derby del Piemonte” al termine di un'ottima prestazione ma il quoziente set premia Conegliano (3-0 a Bergamo). Nei palyoff le azzurre incroceranno Cuneo, che ha scavalcato Firenze. In coda retrocedono Roma e Trento

Una Igor concreta e determinata chiude velocemente e nel migliore dei modi la regular season aggiudicandosi il “derby del Piemonte” sul terreno della Reale Mutua Fenera Chieri in tre set, ma il primo posto nella griglia dei playoff va come da previsione a Conegliano, che con lo stesso punteggio è passata a Bergamo. Le ragazze di Stefano Lavarini come primo ostacolo nella corsa finale per il titolo pescano così Cuneo, la cui vittoria al tie-break su Busto Arsizio è servita per scavalcare Firenze, sconfitta nel derby toscano con Scandicci.


Nel dopogara alla soddisfazione generale in casa novarese, non solo per la convincente prestazione fornita, fa da contraltare un pizzico di rammarico perché la deadership del campionato era davvero alla portata. Però nelle parole di Eleonora Fersino, rimane la «soddisfazione per la grande stagione che abbiamo disputato e per la partita di stasera, dove siamo state brave in tutti i fondamentali». Ebrar Karakurt è fra quelle che non hanno fatto particolari calcoli: «Se vogliamo vincere il titolo non dobbiamo pensare contro chi giocare».


Poco da dire su un match quasi a senso unico. Novara parte con Hancock in regia e Karakurt opposto; Chirichella e Washington sono le centrali, Bosetti e Daalderop le schiacciatrici con Fersino libero. Subito le azzurre fanno capire di essere in serata sì. Precise al servizio, determinate in difesa e concrete in attacco, con un muro che si fa subito sentire, le novaresi dimostrano subito di essere in serata positiva. Chieri prova ad arginare le folate della Igor ma si trova praticamente da subito a inseguire (5-8, con il primo time out speso dalla panchina di casa). Un “block” di Karakurt doppia le avversarie (9-18), prima della chiusura della frazione iniziale (12-25) con una diagonale dell’opposto turco.


E’ Bosetti ad aprire le danze nella seconda frazione (2-5), ma ancora una volta è il gioco corale da parte di Chirichella e compagne a mantenere le locali a debita distanza (6-10 e 13-17). Dopo un ace della centrale napoletana è Daalderop in questa occasione a timbrare il set (19-25). Poco cambia nel gioco successivo, se non un’improvvisa fiammata d’orgoglio di Chieri che consente alle padrone di casa di mettere per la prima volta e brevemente il naso davanti. Due ace consecutivi di Washington riporta però le cose a posto (8-10), poi la Igor senza particolari difficoltà galoppa sino al conclusivo 21-25 signato ancora dalla banda olandese.

Reale Mutua Fenera Chieri – Igor Gorgonzola Novara 0-3
(12-25 / 19-25 / 21-25)
Chieri:
Alhassan 4, Cazaute 3, Perinelli 1, Bosio 2, Frantti 5, Bonelli, Grobelna 13, Villani 5 De Bortoli (L1), Mazzaro 1, Karaoglu, Armini (L2), Weitzel 2, Guarena. All.: Bregoli.
Igor: Imperiali (L2) ne, Herbots ne, Montibeller ne, Battistoni, Fersino (L1), Bosetti C. 14, Chirichella 7, Hancock 2, Bonifacio ne, Washington 8, Costantini ne, D’Odorico, Daalderop 9, Karakurt 16. All.: Lavarini.
Arbitri: Simbari di Milano e Boris di Vigevano.

Volley femminile serie A1, 26a giornata (2 aprile): Bergamo – Conegliano 0-3; Trento – Monza 0-3; Scandicci – Firenze 3-1; Vallefoglia – Roma 2-3; Chieri – Igor Novara 0-3; Cuneo – Busto Arsizio 3-2; Casalmaggiore – Perugia 2-3.
Classifica: Conegliano e Igor Novara p. 66; Monza p. 63; Scandicci p. 57; Busto Arsizio p. 51; Chieri p. 40; Cuneo e Firenze p. 38; Vallefoglia p. 25; Perugia e Casalmaggiore p. 22; Bergamo p. 20; Roma e Trento p. 19.
Accoppiamenti playoff: Conegliano – Firenze; Igor Novara – Cuneo; Monza – Chieri; Scandicci – Busto Arsizio.
Retrocedono in serie A2: Roma e Trento.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL