Volley, contro il Giappone arriva il riscatto azzurro: 3-1 in rimonta

Le ragazze di Mazzanti, dopo uno stentato avvio di gara, superano nettamente alla distanza la resistenza delle nipponiche in quattro set, dimenticando lo stop con il Brasile. Prossimo appuntamento venerdì contro l'Argentina, dove si potrà già chiudere il discorso qualificazione ai quarti di questo Mondiale

Riscatto azzurro. Dopo lo stop di ieri contro il Brasile, un fatale tie break costato a Myriam Sylla e compagne l’imbattibilità nel Mondiale, nel primo pomeriggio di iggi – a meno di 24 ore di distanza dalla “maratona” contro le sudamericane – è arrivato l’atteso riscatto delle ragazze di Davide Mazzanti, capaci di superare in quattro set e in rimonta un ostico Giappone.


Un successo che conferma la prima posizione dell’Italia nel suo girone della seconda fase (19 punti con 6 vittorie) e la grande possibilità di chiudere il discorso qualificazione ai quarti di finale nel prossimo match contro l’Argentina, in programma venerdì 7 ottobre.


Eppure le cose non si erano messe per il verso giusto neppure contro le asiatiche. Le azzurre – oggi in maglia bianca, al via con l’unica novità di Sylla per Pietrini in banda con Bosetti, Chirichella e Danesi al centro, Orro in regia con Egonu opposto e De Gennaro libero – hanno infatti patito a lungo il gioco delle giapponesi, capaci di frenare gli attacchi delle italiane. La logica conseguenza è stata un primo set che ha visto le asiatiche sempre avanti e chiudere a loro favore la frazione 20-25.


Ancora Giappone nelle fasi iniziali del secondo gioco (5-8), poi l’Italia ha registrato difesa e attacco e per le avversarie è diventato sempre più difficile mettere il pallone a terra, cosa capitata sino a quel momento alle azzurre. Dal 12-9 si è passati al 17-14 grazie a Enogu, Sylla, ma anche al un servizio di Chirichella tornato molto efficace. Frazione in discesa, chiusa 25-20.


L’Italia ha quindi pigiato sull’acceleratore (7-0 il parziale iniziale nel terzo set), allungando ulteriormente (14-6 e 18-9) sino al 25-14 per il 2-1. Un momento favorevole che è proseguito anche nella quarta frazione, con le giapponesi “attaccate” sino all’8-7 prima di cedere nettamente (15-8) e arrendersi con un altro netto 25-15.


Ora, come detto, una giornata di riposo prima del match contro l’Argentina, venerdì 7 ottobre alle 17.15, con la consueta diretta televisiva su Rai Due e Sky Sport Uno.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni