Novara Calcio nel baratro: ricorso respinto. Sfuma (definitivamente?) l’accesso alla serie C

La Covisoc si è espressa confermando la sentenza della scorsa settimana. Tre i passi che il club può ancora compiere. Ma è venuto il momento che della vicenda si occupi la politica

Come era già stato ampiamente previsto, la Covisoc ha respinto nuovamente il ricorso presentato dal Novara Calcio dopo la prima esclusione della scorsa settimana dal campionato di serie C comunicato dallo stesso patron e presidente della società azzurra Leonardo Pavanati.

Per la giornata di oggi, infatti, era atteso il verdetto che è arrivato pesante come un macigno: no all’ammissione del Novara al campionato professionistico in quanto, secondo l’ordinamento sportivo, non viene considerato valido il contratto di compensazione in surrogazione dei debiti con onere a carico di altre imprese dello stesso Pavanati e del suo gruppo.

Ci sono ancora tre passi che il club può compiere: entro due giorni presentare ricorso al Collegio di garanzia del Coni, con sentenza entro 23/27 luglio; in caso di una nuova bocciatura, c’è il ricorso al Tar del Lazio e successivamente al Consiglio di Stato. Se la sentenza verrà basata strettamente sui regolamenti, il responso sarà confermato e per la società di calcio sarà la fine; se, invece, l’organo di decisione farà una scelta più “politica”, allora potrebbe intravedersi qualche spiraglio. La strada, dunque, è tutta in salita.

Allo stato attuale delle cose, però, ci si aspetta che il sindaco della città inizi a lavorare seriamente a un piano B allo scopo di trovare un investitore cui affidare il titolo sportivo, per dare modo alla società di partire dalla serie D o, molto più probabilmente, dall’Eccellenza, scongiurando, così, che il Novara Calcio, dopo 113 anni, si ritrovi, oltre che senza professionismo, anche totalmente senza una squadra.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: