Hockey pista: contro il Seregno l’Azzurra si gioca le sue ultime possibilità

Dopo aver osservato il loro turno di riposo i ragazzi di Campanati, privi dello squalificato Brusa, ospitano stasera il Seregno nella prima giornata del girone di ritorno della Coppa Italia di A2. Il coach novarese: «Dovremo prestare la massima attenzione a tutte le situazioni»

Dopo aver osservato il suo turno di riposo torna in pista l’Azzurra nella prima giornata del girone di ritorno della Coppa Italia di A2 ospitando questa sera, sabato 18 novembre, il Seregno. L’appuntamento è al “Dal Lago” alle 20,45 con ingresso come sempre libero.


Nonostante la pausa imposta dal calendario i ragazzi di Paolo Campanati (nella foto) hanno lavorato sodo nelle ultime due settimane. Per dimenticare il sotto certi aspetti burrascoso match contro lo Scandiano e riprendere il loro cammino a partire dalla gara con i brianzoli. Alla luce dei risultati maturati nell’ultimo weekend l’Azzurra si è infatti ritrovata, proprio in compagnia del Seregno, all’ultimo posto del primo girone con 4 punti, quello conquistato a Biassono all’andata e i 3 dell’unica vittoria contro Correggio, ma con una differenza reti peggiore, seppure di un solo gol. A guidare il plotoncino è l’Amatori Modena (che oggi riposa) con 9, seguito a 6 dalla coppia Scandiano – Correggio.


«Speriamo di non ripetere l’inizio della gara in Brianza (quando l’Azzurra si ritrovò sotto 1-6 dopo soli 10′ di gioco, rimediano poi alla fine un rocambolesco 8-8, ndr) – ha detto il tecnico novarese – Seregno è una squadra che adesso conosciamo molto bene e pratica un gioco veloce. Si tratta della classica partita da prendere con le pinze, dove dovremo prestare molta attenzione a tutte le situazioni».


Non potrà essere della partita capitan Brusa, che dopo le reiterate proposte nei confronti del direttore di gara nel finale del match contro Scandiano di due sabati fa ha rimediato due giornate di squalifica: «Possibili sostituti in rosa li abbiamo. E’ chiaro che l’assenza di Brusa sarà pesante, ma stiamo lavorando per consentire agli altri di riuscire a ricoprire un ruolo prettamente suo, cominciando dai giovani che piano piano stiamo inserendo nella prima squadra e che stanno superando le difficoltà del salto di categoria».


Unico vantaggio, se così può essere definito, il fatto di scendere in pista conoscendo già il risultato dell’altro match, visto che Scandiano e Correggio incroceranno i loro bastoni sin dalle 18. Pochi in ogni caso i calcoli da fare. Se i novaresi vogliono alimentare le ultime possibilità di conquistare l’accesso alla “Final four” della manifestazione tricolore dovranno unicamente centrare la vittoria.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni

Hockey pista: contro il Seregno l’Azzurra si gioca le sue ultime possibilità