Ultimo campanaro della torre civica: Oleggio saluta un pezzo di storia

Nell’immediato dopoguerra aveva assunto lui l’incarico di mantenere il meccanismo della torre civica in piazza, fino al suo smantellamento. Il suo è stato sempre un mestiere molto particolare e prezioso.

 

[the_ad id=”62649″]

 

Si è spento pochi giorni fa Luigi Massironi, classe 1928, vero pezzo miliare della comunità oleggese. Massironi è stato lo storico orologiaio e appunto ultimo campanaro della torre civica.

Un mestiere imparato a Gallarate in una bottega, mandato proprio lì dal padre durante il periodo della seconda Guerra mondiale. Massironi ha poi avviato la propria attività a Oleggio, aiutando all’inizio il padre che dopo la guerra aveva aperto una gioielleria in corso Matteotti. Massironi ha tenuto attiva la bottega fino al 1985. Una bottega che tantissimi ricordano e che in parte rivive proprio al museo Fanchini.

«Sono tanti i ricordi, – dice il figlio Diego – è sempre stato particolare osservarlo maneggiare oggetti molto piccoli come gli orologi da polso. Svolgeva un lavoro da certosino, che sembra quasi difficile immaginare oggi». La sua bottega è stata preziosa per diversi contadini: «Quando ero piccolo ricordo che il lunedì, giorno di mercato, era quello più movimentato in bottega, arrivavano contadini e tutti coloro che contrattano bestiame e fieno e portavano orologi e sveglie per chiedere a papà di aggiustarli. Erano oggetti preziosi perché gli unici che li aiutavano a svegliarsi presto per le commissioni. Diciamo che quello di papà era una bottega di riparazione, era sì una gioielleria, ma non di quelle che si vedono ora» dice sorridendo.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni