Trecate

Trecate mensa scolastica, Uboldi: «Il sindaco la smetta di dire menzogne. I soldi per gestire il problema ci sono»

Il consigliere di minoranza ha voluto esprimere un parere in questa vicenda che lo vede coinvolto anche come papà di un alunno di quinta elementare

«Sono molto arrabbiato, ho seguito la vicenda e sono genitore di un bambino di quinta elementare iscritto alla mensa. Tutto questo lavoro andava fatto a giugno, quando si sapeva che le scuole avrebbero aperto». Sono le parole del consigliere di minoranza Marco Uboldi in merito alla questione mensa scolastica che ancora manca a Trecate e anche a Sozzago e Romentino.

 

 

«Non è sempre colpa degli altri. Bisogna assumersi delle responsabilità, bisogna produrre risultati, non basta la buona volontà per essere bravi amministratori, contano i fatti, – dice –  tutte le scuole tranne noi stanno erogando il servizio mensa, magari con costi in più, magari no, ma hanno gestito bene. Continuo a segnalare che il Comune ha ricevuto contributi, sgravi fiscali e aiuti economici da questo Governo, aiuti che non sono stati usati per qualcosa di utile alla cittadinanza, sono solo stati messi a bilancio. Non si può arrivare a settembre con le mense chiuse, le linee guida per la scuola sono uscire il 26 giugno. Ora è colpa di Markas? E’ l’amministrazione che non sta facendo il suo lavoro».

E continua: «Tutto è pagato dai cittadini, bisogna rispondere con efficienza. Amministra bene chi risolve i problemi e mette i cittadini nella condizione di vivere bene, questo a Trecate non accade da tempo. Siamo all’ennesimo caos creato da questa amministrazione, è sempre colpa degli altri. Chiedo almeno che Binatti sia onesto e la smetta di dire menzogne».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati