Trecate: colonnine di ricarica, che fine hanno fatto? Il sindaco: «Sono pronte, nessuna spesa per il Comune»

L'argomento è stato sollevato dal consigliere di minoranza Uboldi che ha parlato di poca trasparenza e tempistiche dilatate

Il consigliere di minoranza trecatese, Marco Uboldi, nei giorni scorsi ha posto l’attenzione sul bando per il posizionamento delle colonnine di ricarica per le auto elettriche sul territorio cittadino che – a sua detta – è finito nel dimenticatoio.

Inoltre, secondo la minoranza, l’amministrazione comunale, non è stata trasparente circa i costi dell’installazione delle colonnine: «È stato necessario presentare un’interrogazione all’assessore Varone e al sindaco Binatti chiedendo un cronoprogramma dei lavori e i quantitativi di spesa per l’installazione. La risposta che abbiamo ricevuto, dagli uffici, è questa: “In riscontro alla presente comunico che in data 05/09/2022 con prot n. 28102, la società On-Charge ha risposto trasmettendo la bozza di convenzione regolante il posizionamento delle colonnine elettriche per la ricarica dei veicoli. Si procederà pertanto a valutare la bozza di convenzione e successivamente ad approvarla.” Perchè l’assessore non risponde sulla spesa per installare le colonnine? – sottolinea il consigliere – Quanto altro tempo passerà prima che vengano installate?  A un anno dalla pubblicazione del bando, la realtà dei fatti è che delle colonnine non c’è neanche l’ombra».

Pronta la replica da parte del sindaco Federico Binatti: «Parto subito con lo specificare che il comune di Trecate non dovrà spendere un euro per l’installazione delle colonnine. Detto questo, il bando è stato vinto dalla società On Electric Charge Mobility srl la quale ha inviato al nostro Ufficio ambiente una bozza di protocollo di intesa che, come da regolamenti, andava studiata attentamente nei particolari. L’ufficio preposto ha apportato alcune modifiche essenziali del progetto e le ha inviate alla società che dovrà attuarle. Nei prossimi giorni dovrebbero inviarci il protocollo modificato. Dopodiché inizieranno i lavori di installazione. Saranno in totale 16 punti di ricarica, 8 postazioni con 4 infrastrutture doppie che abbiamo deciso di installare nei seguenti punti strategici: piazzale Antonini, via Doria, piazzale Emanuela Loi a San Martino e piazza Fragonara. Le rimanenti 4 infrastrutture saranno posizionate nei luoghi che sceglierà la società vincitrice della gara di appalto».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni