Cameri Eventi&Cultura

Scatti d’epoca e pezzi di storie: premi e menzioni d’onore per il concorso fotografico

L'iniziativa è stata promossa in periodo di lockdown dall'ente di gestione aree protette del Ticino e del lago Maggiore

In quattro sul podio e tre menzioni d’onore. Si è tenuta mercoledì 23 settembre la premiazione del concorso fotografico “Paesaggi storici e mestieri antichi” proposta in tempo di Covid dall’Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del lago Maggiore per rivivere un po’ di storia in un momento tanto particolare. L’appuntamento è stato dato a Villa Picchetta con la presidente Atl Maria Rosa Fagnoni, Erika Vellera vicepresidente dell’Ente, l’assessore comunale Elena Nardulli, la responsabile del settore Pianificazione e Promozione territoriale Monica Perroni ed Emiliana Mongiat e Mario Balossini, in giuria.

Quattro persone sul podio, con un pari merito sul gradino più alto. Al terzo posto “Mungitura in alpeggio” di Maria Grazia Schiapparelli: «E’ una foto di 20 anni fa, – ha spiegato – scattata al rifugio Chiaromonte. Una foto che mi piace perché ritrae posti dove la vita è ancora antica, non c’è il progresso che intendiamo noi oggi». Al secondo posto “Vendemmia” a nome del Comune di Ghemme con la presenza dell’assessore alla Cultura Piero Rossi come rappresentante: «La vendemmia rappresenta il nostro paese, – ha spiegato – è uno scatto del 1968».

Sul gradino più alto del podio Federica Mingozzi, assente, con “Famiglia in festa” e Sergio Colombo con “Cercatori di ciottoli sul Ticino con la troupe Svizzera”. «La foto è davvero un pezzo di storia, di un’attività che anni e anni fa si svolgeva, la ricerca dei sassi bianchi, di prima e seconda scelta, dell’oro e del quarzo».

Molto soddisfatti gli organizzatori: «Siamo contenti perché le foto sono arrivate da tante aree del nostro lago, abbiamo ricoperto la zona che ci compete, – ha detto Vellera – la fotografia è storia, pezzi di vita, è un concorso che riproporremo volentieri». A promuovere tanto l’iniziativa anche Fagnoni: «I contest sono ormai fondamentali, si raggiungono tante persone e si crea comunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati