Iacopino e Zacchero (M5S): «Invitiamo gli indecisi, soprattutto i giovani, ad andare a votare»

I candidati “pentastellati” in corsa per il Parlamento stanno affrontando con determinazione la campagna elettorale: «Siamo una forza politica coerente, nel centrodestra sono uniti solo per il potere. La gente vuole risposte immediate»

Mario Iacopino e Luca Zacchero, rispettivamente in corsa per Camera e Senato, hanno iniziato e stanno affrontando con determinazione la campagna elettorale. La loro presenza ai gazebo è costante e se per il secondo le possibilità di elezione e quasi nulla – terza posizione nel plurinominale per Palazzo Madama nel Piemonte 1 – qualche remota possibilità esisterebbe per l’attuale capogruppo a Palazzo Cabrino (ultimo a destra nella foto con alcuni attivisti e Rosalba Palillo, candidata “supplente”), visto che nel listino bloccato per Montecitorio del Piemonte 2 si trova davanti unicamente Chiara Appendino: «Sono contento di avere qualcheminima possibilità, visto che al momento l’unico sicuro dell’elezione fra i novaresi del capoluogo è Nastri, che è in politica dal 1994, quando avevo dieci anni… Al di là delle battute, spero in un dibattito – confronto diretto con gli altri candidati. Io sono pronto».


I sondaggi degli ultimi giorni vedrebbero il Movimento 5 Stelle in forte crescita, tanto da insidiare la Lega sul terzo gradino di un ipotetico podio: «Questo non mi sorprende – commenta Iacopino – perché siamo una forza politica coerente, con un presidente come Giuseppe Conte che lavora sul territorio a livello nazionale. Abbiamo un programma portato avanti in questi anni nonostante tutte le difficoltà. Anche a Novara siamo un gruppo forte. I sondaggi lasciano il tempo che trovano, preferisco ascoltare le persone».


«Sarebbe bello se questi “numeri” ci fossero anche a livello locale e non solo nazionale – aggiunge Zacchero – Al di là di questo, preferiamo presentarci agli elettori più che con delle promesse sulla scorta dei risultati ottenuti. Nei primi tre anni anni della legislatura siamo riusciti a concretizzare l’80% del nostro programma. Altro si sarebbe potuto fare se nel frattempo non si sarebbe dovuto fare i conti con la pandemia».


I punti cardine del “movimento” rimangono quelli storici, ma Iacopino insiste molto anche «sulla lotta alla criminalità organizzata, alla salvaguardia della legalità, molto importante per noi e per la quale se ne parla troppo poco. Poi la transizione energetica, il riavvicinamento delle distanze sociali, la salvaguardia delle piccole e medie imprese che anche qui sono poco attenzionate dalla politica. Nel programma di centrodestra abbiano sentito parlare di servizio militare obbligatorio. Una proposta assurda. I giovani hanno bisogno di lavoro, futuro, speranza, non di uso delle armi. Ma quello che succede a livello nazionale può esere declinto anche localmente, dove Lega e Fratelli d’Italia sono uniti unicamente dal potere, come avviene anche nel nostro Consiglio comunale».


«Sentiamo parlare di nucleare “pulito” – ancora Zacchero – ma gli italiani hanno già avuto modo di dire “no” a questa opzione anni fa con il referendum. La gente vuole risposte al caro energetico ora, per costruire una centrale ci vogliono anni. Il nostro invito è poi rivolto ai giovani, affinché vadano a votare».


Iacopino non ha infine risparmiato una “frecciatina” nei confronti dell’ex collega di partito, l’oleggese Davide Crippa, che dopo aver lasciato i “pentastellati” si è candidato in Campania nella coalizione di centrosinistra a guida Pd: «Quattro anni fa girò il Novarese e il Vco a bordo di un’auto elettrica. Mi chiedo se abbia utilizzato la stessa per raggiungere Napoli…».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Sezioni