«Figliuolo atteso a Novara: visiterà il Palaverdi e il nuovo centro vaccinale Ipazia»

Il generale Figliuolo atteso a Novara per visitare i centri vaccinali: secondo il sindaco Alessandro Canelli il commissario per l’emergenza «la prossima settimana sarà in Piemonte e la visita toccherà anche il Palaverdi e il nuovo punto vaccinale che attiveremo al centro Ipazia di corso Trieste, con quattro linee». La visita potrebbe svolgersi nella mattinata di giovedì 15 aprile.

 

«Ringrazio l’Università che mette a disposizione gli spazi del proprio centro ricerche, la Cri che mette il personale e grazie anche ai medici e ai dirigenti del Comune che hanno concorso a organizzare questa operazione – ha commentato il sindaco – Un ringraziamento particolare va alla Fondazione comunità del novarese per la grande mano economica che ci sta dando per affrontare le spese e allestire i centri, è a tutti gli effetti un partner di questo progetto. È un grande lavoro di rete».

Altra novità importante: «Nell’incontro di oggi (9 aprile, ndr) il presidente della Regione Alberto Cirio ha annunciato che da maggio anche le aziende potranno vaccinare i propri dipendenti, rispettando le fasce di popolazione per cui si apre la campagna – ha riferito Canelli, precisando – Anche gli over 60 e gli over 50 ancora in servizio potranno essere vaccinati sul luogo di lavoro».

Il primo cittadino riferisce che «negli ultimi giorni il ritmo delle vaccinazioni si accelerato notevolmente» e fornisce i dati percentuali.

Le somministrazioni del personale scolastico hanno raggiunto quota 97% degli aderenti; l’87% degli over 80 ha avuto la prima dose (il primo ciclo potrebbe chiudersi a giorni) e il 52,6% anche la seconda; i non trasportabili sono stati vaccinati al 62,3%.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL