Possiamo scegliere di essere madri? A Casa Bossi uno spettacolo che parla di donne e maternità

Appuntamento nel calendario di "Le Notti di Cabiria" venerdì 23 luglio. Pre spettacolo e cena con Slow Food

Siamo la prima generazione che sceglie davvero se essere madre o no? Come si arriva a questa scelta? E cosa accadrebbe se una donna di oggi, moderna ed emancipata, si trovasse di fronte l’arcangelo Gabriele venuto per farle l’Annunciazione? Da queste domande nasce il divertente spettacolo Farsi fuori di Luisa Merloni, con Luisa Merloni e Marco Quaglia, in scena questo venerdì 23 luglio alle 21.30 per la rassegna “Le Notti di Cabiria” a Casa Bossi.

In una società che vede forse per la prima volta una generazione di donne ritardare sempre più la decisione di diventare madri, la maternità (come scelta, come dovere) torna ad essere tema discusso e controverso nonché un nodo nevralgico dove si scontrano spesso visioni differenti sulla vita, la religione, la spiritualità.

Il tema della maternità sarà il focus della serata a Casa Bossi, a partire dalle 19 con l’incontro Ma tu, un figlio lo vuoi veramente? con l’attrice Luisa Merloni, Paola Borriello di AIED Novara (www.consultorioaiednovara.com) e la moderazione di Elena Ferrari di Cabiria Teatro. Alle 20.45 invece si terrà lo spettacolo di stand up comedy di Clara Campi, attrice, comica e femminista.

Come per gli altri appuntamenti della rassegna, a Casa Bossi tra le 20 e le 21 sarà possibile cenare, su prenotazione, grazie alla collaborazione con Slow Food (tel. 3401547992 – email condottaslowfoodnovara@gmail.com. costo della cena 15 euro).

Per la rassegna teatrale per bambini “EVVIVA!” (www.cabiriateatro.com/evviva-rassegna-di-teatro-per-bambini), è ancora possibile prenotare alcuni posti per domani, giovedì 22 luglio, per la replica delle 11 di Il signor Nessuno di La Pulce Teatro, con Marco Giannini e regia di Enzo Valeri Peruta, spettacolo ispirato all’Odissea e alla figura di Ulisse. Un bambino alle prese con il difficile compito di riassumere l’Odissea si trova coinvolto in una fantastica avventura, fra giganti, eroi, mostri, streghe e sirene. L’opera di Omero viene riproposta in forma di racconto teatrale, in chiave moderna e con l’aggiunta di un po’ di ironia: stravolta ma nello stesso tempo fedele all’originale. Un’occasione per riscoprire una straordinaria vicenda di passione e di coraggio, una storia adatta a tutti, scritta quasi tremila anni fa ma ancora coinvolgente e attuale.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: