Mappatura e digitalizzazione del patrimonio librario. Per la Negroni un progetto da 660 mila euro

L'amministrazione comunale ha partecipato al bando del ministero della Cultura. Il sindaco: «Con o senza contributo il lavoro verrà portato a termine»

Se si dovesse mettere in fila, si coprirebbe un percorso di 9 chilometri di cui 2 solo di volumi antichi. Tanto vale il patrimonio librario della Biblioteca Negroni che l’amministrazione comunale ha deciso di partecipare al bando del ministero della Cultura con un progetto che ammonta a 660 mila euro.

Il primo luogo il Comune ha affidato la rifunzionalizzazione degli spazi di Palazzo Negroni e Palazzo Vochieri allo studio di architettura Alterstudio Partners in modo da creare ambienti funzionali legati alle nuove esigenze del pubblico anche attraverso il coinvolgimento dei nuove categorie di utenti e l’implementazione delle auto studio.

«Un progetto cantierabile necessario alla ricerca di fondi di finanziamento per il programma di riorganizzazione dello sconfinato patrimonio bibliografico – spiega il sindaco Alessandro Canelli -. Ci sono volumi dal valore inestimabile a cui sarà data la giusta collocazione; in altri casi, ad esempio con i quotidiani, si procederà alla digitalizzazione per recuperare spazio fisico».

Il progetto comprende, dunque, la mappatura di libri e documenti posizionati su 9 mila metri di scaffali, tutti catalogati ma in molti casi abbandonati; la revisione e il restauro dei manoscritti, degli incunaboli e delle cinquecentine; la produzione di una guida ai fondi storici con schede di descrizione generale dei singoli fondi, la ricostruzione storica, segnalazione di unità particolari. Oltre a questo, l’istituzione di un sito internet con la messa in rete del patrimonio, la comunicazione attraverso canali social e un brand.

«I tempi del ministero sono lunghi – aggiunge Canelli – una risposta potrebbe arrivare agli inizi del 2022, ma non c’è nulla di certo. Se la richiesta di finanziamento verrà accettata, si procederà con il progetto; diversamente verranno trovate altre forme di contributo o provvederà il Comune con le proprie risorse, ma questo lavoro è necessario e sarà comunque portato a termine».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni