[ditty_news_ticker id="138254"]

Il Teatro Coccia si sposta a Sordevolo e porta in scena Aida

Dopo Nabucco nel 2023, quest'anno il teatro novarese propone quattro repliche di un'altra opera verdiana nel luogo che ospita da oltre 500 anni La Passione di Sordevolo

Il rinnovato sodalizio tra il Teatro Coccia, il comune di Sordevolo e l’Associazione Teatro Popolare porta in scena per il secondo anno un’opera lirica nel luogo che ospita da oltre 500 anni La Passione di Sordevolo.

Per due fine settimana (venerdì 5 e sabato 6, venerdì 12 e sabato 13 luglio alle 21) andrà in scena Aida di Giuseppe Verdi (dopo Nabucco nel 2023) con un progetto che si avvale del patrocinio del Ministero del Turismo, che ne ha riconosciuto il valore di trasportare l’opera oltre i propri confini e della Regione Piemonte.

La regia è una conferma, quella che porta la firma di Alberto Jona, direzione d’orchestra affidata a Marco Alibrando, scene di Matteo Capobianco che lavora in sinergia con il visual designer Luca Attilii, e con l’immaginario di teatro d’ombre a cura di Controluce Teatro d’Ombre; Ivan Pastrovicchio e lo stesso Jona al disegno luci. Costumi firmati da Silvia Lumes. In buca Orchestra Filarmonica Italiana. Confermata anche la presenza imponente del coro Schola Cantorum San Gregorio Magno di Trecate, guidato dal Maestro Alberto Sala.

Due i cast previsti per le quattro recite, in cui si uniscono voci esperte del repertorio verdiano, con artisti in ascesa nel panorama internazionale. Nel ruolo di Aida Mary Elizabeth Williams (5 e 12 Luglio) e Serena Farnocchia (6 e 13 Luglio), Radamès è interpretato da Gabriele Mangione (5 e12 Luglio) e da Jason Kim (6 e 13 Luglio),Amneris è interpretata da Gosha Kowalinska (5 e 13 luglio) e Veronica Simeoni (6 e 12 Luglio),Amonasro è Gustavo Castillo, Ramfis Stefano Paradiso, il Re d’Egitto Luca Park, una sacerdotessa Elena Malakhovskaya (allieva Accademia AMO), un messaggero Davide Lando.

In scena le grandi masse di Aida fanno dell’opera un evento di partecipazione e comunità. L’opera diventa rito, portando in scena centinaia di figuranti dell’Associazione Teatro Popolare di Sordevolo, che affiancheranno i coristi della Schola Cantorum San Gregorio Magno. La collaborazione con l’Associazione Teatro Popolare di Sordevolo prende vita anche grazie ai volontari del territorio che lavoreranno come maestranze insieme ai professionisti del Teatro Coccia di Novara negli allestimenti, nella sartoria e per le scene.

Soddisfazione a conclusione della passata edizione da parte di tutti i protagonisti, primo tra tutti il Sindaco di Sordevolo, Alberto Monticone che aveva dichiarato: «Sono felicissimo del successo di queste serate. Di come il Teatro Coccia si sia amalgamato con la nostra comunità e di come il lavoro di tanti mesi abbia dato il risultato che tutti ci auguravamo. Questo dimostra che la strada è quella giusta e che sarà naturale proseguire con questa collaborazione anche per il futuro».

Così Stefano Rubin Pedrazzo, presidente dell’Associazione Teatro Popolare di Sordevolo: «L’emozione provata alla prima nell’Anfiteatro di Sordevolo con una cornice di pubblico degna delle grandi occasioni è stata grandissima, credo sia stata una scelta vincente iniziare questa collaborazione con il Teatro Coccia di Novara unendo queste due realtà piemontesi con l’intento di raggiungere risultati importanti negli anni a seguire. L’associazione è onorata di questa iniziativa propedeutica alla prossima edizione della nostra nobile tradizione».

A conclusione Corinne Baroni, direttore del Teatro Coccia di Novara: «A Sordevolo ho trovato un luogo e una comunità capaci di fare vera innovazione in un posto legato profondamente alla più antica delle tradizioni. È cosa oltremodo rara. Voglio ringraziare di cuore il sindaco di Sordevolo e il presidente dell’Associazione Teatro Popolare, con i quali è stato da subito sufficiente un “patto cavalleresco” per capire che il progetto avrebbe visto la luce e sarebbe andato in porto. E non solo. Sarebbe cresciuto. Un ringraziamento poi di cuore alla città di Sordevolo che ci ha accolti con spirito di condivisione e iniziativa. A questo aggiungo l’immediato interesse di tante istituzioni del territorio che hanno immediatamente sposato l’iniziativa, supportandola anche economicamente. Ancora un pensiero di gratitudine va ad Alberto Jona (e a suo padre Emilio) che non solo ha colto immediatamente lo spirito del progetto, ma ne è stato in prima persona sostenitore e promotore».

Info e biglietti QUI

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni