Gioele Dix protagonista al Coccia: «Cuore divorato è un’opera contemporanea e il pubblico capirà»

La nuova e ultima produzione del dedicata alla figura di Dante andrà un scena venerdì e sabato. Anticipazione mercoledì in un incontro con Dix e l’ex Procuratore della Repubblica Marilinda Mineccia

«Lo spettacolo è difficile da definire e per questo è ancora più interessante. È comunque un’opera contemporanea a tutti gli effetti e siamo certi che il pubblico capirà». Gioele Dix, regista e attore, che nella è, ha presentato così “Cuore divorato”, la nuova e ultima produzione del Teatro Coccia dedicata alla figura di Dante in cui è protagonista, drammaturgo e supervisore.

«Un progetto nato da un verso della Vita Nova in cui il sommo poeta racconta un suo sogno: Beatrice che gli divora il cuore – ha proseguito -. L’aspettativa di Dante era che scrittori suoi contemporanei gli dessero seguito, ma solo Cavalcanti lo fece. Noi lo abbiamo fatto affidando a tre poeti una risposta; ne è nato un poema in rima che è stato musicato da altrettanti compositori. Quando mi hanno proposto questo lavoro, ho percepito subito una grande opportunità professionale. Il racconto è fatto di musica e parole e io ho inserito alcuni pensieri in libertà riferiti al cuore divorato dall’amore, dalla paura, dall’ansia, dai ricordi».

La direttrice del Coccia, Corinne Baroni, ha aggiunto che «questo è un lavoro di squadra, complesso e di artigianato e sta nascendo una creatura che ha preso lo spazio giusto».

L’opera teatrale sarà diretta da Antonello Allemandi; l’orchestra non sarà in buca, ma sul palco dietro un velo: «È la prima volta che lavoro a Novara e si è creato un clima meraviglioso – ha detto -. L’impianto è per quattordici strumenti: non sono presenti i violini, ma tre viole, tre violoncelli e un contrabbasso oltre al pianoforte, le percussioni, un oboe, un clarinetto, un sax e due corni.

Grande spazio è stato dato al coro, che sarà quello del Teatro Coccia di nuova formazione: «Ci sono ventuno elementi che sul palco non saranno statici ma interagiranno con il protagonista» ha spiegato la direttrice Francesca Tosi.

Tre, come detto, i compositori: Marco Taralli, direttore del corso di composizione dell’Accademia Amo, Joe Schittino e Cristiano Serino i quali hanno musicato i versi di Davide Rondoni (autore del testo di Rapimenti d’amore andato in scena dieci giorni fa), Francesca Bocca Aldaqre e Fabio Ceresa. «Dante ha affidato un messaggio ai secoli e non l’abbiamo raccolto: questa è l’ennesima sfida vinta – ha affermato Taralli -. Tre partiture molto diverse tra loro che si fondono ma che potrebbero anche essere ascoltate singolarmente».

Cuore divorato andrà in scena venerdì 3 e sabato 4 dicembre alle 20.30. Info e biglietti QUI

L’opera è preceduta da un incontro in programma domani, mercoledì 1 dicembre, alle 18.30 nella sala teatrale con l’ex Procuratore della Repubblica Marilinda Mineccia e Gioele Dix: traendo spunto dall’opera ci si interrogherà sul significato del “cuore divorato” tra mito, letteratura, ma anche attualità e cronaca. Modera Luca Baccolini.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni