Antonio Ferrara: «Non si può essere scrittori se non si è ostinati lettori»

«Quando gli alunni delle scuole mi dicono “voglio fare lo scrittore” io chiedo: qual è l’ultimo libro che hai letto? e loro non sanno rispondermi. Non si può essere scrittori se non si è ostinati lettori: lo dico sempre, soprattutto ai ragazzi». Con queste parole Antonio Ferrara, scrittore e illustratore di origini napoletane ma residente a Novara, ha presentato stamattina, martedì 23 marzo, il suo ultimo libro edito da Interlinea “Leggero leggerò – Guida impertinente alla lettura e all’amore per i libri”.

Un testo che racconta storie e modi per innamorarsi delle parole, giocarci e usarle al meglio perché «siamo fatti di storie». Con consigli per scrivere, parlare e leggere in pubblico, anche con tutto il corpo, imparando un uso creativo degli errori.

Durante la presentazione del libro, Ferrara ha ampliato il discorso all’attualissimo tema della Dad: «Andare a scuola – ha detto – non è solo imparare, ma è anche vita sociale, è stare in mezzo a persone della propria età. Questa è la differenza, diversamente si potrebbe stare in Dad per sempre».

“Leggero leggerò” è in uscita il prossimo 8 aprile; alle 17 dello stesso giorno è in programma una presentazione on line ancora in fase di definizione.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: