Mancata apertura degli impianti sciistici, solidarietà di Anci Piemonte

«Nell’esprimere la massima solidarietà ai territori colpiti dalla mancata riapertura degli impianti sciistici, auspichiamo che il Governo affronti velocemente la partita dei ristori spettanti alle attività del turismo bianco. Siamo preoccupati per le ricadute economiche ed occupazionali di questa scelta e come Anci, nel manifestare la nostra vicinanza ai sindaci montani, siamo al fianco della Regione e del governatore Cirio per le iniziative che intenderà assumere a tutela degli interessi del Piemonte. Per il rinvio dell’apertura degli impianti occorreva una concertazione preventiva con le istituzioni e con gli attori del territorio». Lo afferma il presidente di Anci Piemonte e sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro, commentando la proroga al 5 marzo della chiusura degli impianti sciistici, comunicata dal Governo a sole 15 ore dall’attesa riapertura.
«In questi giorni – aggiunge il vicepresidente di Anci Piemonte con delega al turismo e sindaco di Omegna Paolo Marchioni – abbiamo assistito ad una vera e propria mancanza di rispetto nei confronti di chi, nelle ultime settimane, ha fatto di tutto per adeguare le strutture alle norme anti Covid. Siamo seriamente preoccupati per le ricadute occupazionali che peseranno sulla nostra regione. Se da una parte si apre il fronte dei rimborsi per gli utenti che avevano prenotato vacanze e pernottamenti sulla neve, dall’altra siamo molto preoccupati per tutti coloro che, non avendo raggiunto la quota dei 40 giorni lavorati, non potranno usufruire degli ammortizzatori sociali».

 

Sulla questione, l’associazione dei Comuni piemontesi intende ribadire in modo corale e trasversale la propria posizione. «Purtroppo registriamo la lontananza dei “palazzi” dai problemi reali del territorio – prosegue il vicepresidente Anci Piemonte con delega alla montagna e vicesindaco di Baceno, Stefano Costa – Rinviare l’apertura degli impianti dandone notizia con poche ore di anticipo denota una totale mancanza di rispetto e di sensibilità nei confronti di chi lavora e di chi investe forze e denaro per garantire un futuro ai propri figli. Ancora una volta la montagna è stata abbandonata a se stessa. Siamo consapevoli delle necessità legate all’emergenza, non abbiamo mai negato il problema ma non possiamo condividere scelte avventate che penalizzino il nostro territorio. Auspichiamo un veloce cambio di passo e come Anci continueremo a presidiare la questione in ogni sede».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni