Cameri Economia&Lavoro

La Nato investe 9 milioni di dollari per gli F35

Il dipartimento della Difesa Usa ha assegnato a Lockheed Martin un contratto per potenziare il sito di Cameri

La Nato investe 9 milioni di dollari per gli F35. Il dipartimento della Difesa Usa ha assegnato a Lockheed Martin. società che dà il supporto tecnologico a Leonardo, un contratto per potenziare il sito di Cameri. Un contratto che comprende «manodopera, pianificazione degli ordini di modifica ingegneristica, attività di installazione e supporto» per le attività di «modifica, riparazione, revisione e aggiornamento regionale per gli F-35 destinati al governo italiano». I lavori finanziati dal contratto saranno realizzati per l’85% allo stabilimento di Cameri e il restante 15% a Fort Worth in Texas.

Come è noto, a Cameri è stato realizzatoil primo F35 della storia che ha compiuto una trasvolata oceanica a febbraio 2016. Dopo due anni dopo è stato mandato in volo il primo F35 a decollo corto e atterraggio verticale assemblato al di fuori degli Stati Uniti. Primati industriali a cui sono seguiti quelli operativi targati Aeronautica militare, prima forza armata europea in grado di produrre velivoli di quinta generazione e prima nella Nato a impiegarli in un’operazione dell’Alleanza Atlantica.

 

 

Il finanziamento Nato significa per Cameri, che a oggi conta oltre mille dipendenti, crescita di posti di lavori, oltre a un ritorno economico nella partecipazione al programma F35 che coinvolge dai big a tante Pmi distribuite in tutta Italia. Nel 2019 il programma ha fruttato 63 milioni di euro di export per le aziende italiane, in crescita rispetto ai 20 del 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati