Troppo pochi bambini, chiude la scuola a Lumellogno. L’assessore: «Sarà così dal prossimo anno»

La richiesta è arrivata dall'istituto comprensivo Achille Boroli. In attesa di via libera per una nuova sezione alla San Paolo

La notizia era nell’aria già da tempo, ma oggi, 14 ottobre, è diventata ufficiale dopo la riunione che si è svolta a Palazzo Natta sul dimensionamento scolastico: a Lumellogno ci sono troppo pochi bambini e il Comune ha deciso di chiudere la scuola primaria. La richiesta era stata avanzata dall’istituto comprensivo Achille Boroli, di cui la scuola di Lumellogno fa parte, ed è stata recepita in prima istanza dagli uffici comunali e in seguito dalla Provincia.

«Gli alunni sono ormai solo diciassette divisi in due pluriclassi e il prossimo anno saranno anche meno – spiega l’assessore all’Istruzione del Comune, Giulia Negri -. La direzione scolastica aveva avanzato la proposta di chiudere e, dopo alcune verifiche, ci siamo trovati d’accordo. Stesso parere è stato dato dalla Provincia. La chiusura è prevista dal prossimo anno scolastico e agli alunni di Lumellogno sarà offerto il servizio di trasporto gratuito nelle due scuole dello stesso istituto comprensivo: Fratelli Di Dio e Galvani».

In attesa di via libera della Regione, invece, alla richiesta della stessa direzione scolastica per l’inserimento di una nuova sezione all’infanzia San Paolo: «C’è tantissima richiesta e l’edificio ha spazi sufficienti per ospitare altri alunni» sottolinea Negri.

Per quanto riguarda la riconversione degli spazi della scuola di Lumellogno, l’assessore per il momento non si sbilancia: «Abbiamo già iniziato a pensarci; d’altronde il Comune ha bisogno di spazi e quella è un’ottima struttura, in perfette condizioni, dotata anche di palestra, pronta per essere utilizzata per diverse attività».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni