Teatro Coccia: piano di rientro per estinguere il debito, nuovo statuto fermo in Prefettura

Durante la conferenza stampa di ieri, 9 novembre, per la presentazione della nuova stagione 2023, il presidente della Fondazione Teatro Coccia, Fabio Ravanelli, ha fatto il punto sulla situazione economica dell’ente. A metà giugno, infatti, sempre in occasione di un’altra conferenza stampa, il presidente aveva affermato che entro il mese di agosto il Teatro avrebbe messo in pratica un piano industriale in grado di chiudere con l’indebitamento e che il nuovo statuto sarebbe finalmente stato adottato.

I tempi, però, si sono dilatati. «Il nuovo statuto è stato sottoposto al vaglio della Prefettura che dovrà decidere anche in seguito al parere del Ministero. Presumibilmente riceveremo un via libera ma non sono in grado di quantificare la tempistica – ha detto il presidente -. L’indebitamento scomposto, invece, è stato trasformato in una situazione debitoria composta grazie alla collaborazione del Banco Bpm che ha stilato un piano di rientro della durata di circa quattordici anni. Grazie a questo piano asseverato, allo sbigliettamento in crescita e ai contributi da parte di privati ed enti pubblici, il Teatro Coccia dovrebbe riuscire a tornare a una situazione di stabilità».

Leggi anche

Dodici mesi di musica e teatro per la nuova stagione del Coccia

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni