Squalifica di cinque anni per l’ex mister che ha sferrato un pugno all’arbitro

Il giudice sportivo ha anche decretato la sconfitta a tavolino al Carpignano (3-0 a favore dell'Oleggio Castello) e una multa di 200 euro

Squalifica di cinque anni, sconfitta a tavolino al Carpignano (3-0 a favore dell’Oleggio Castello) e una multa di 200 euro per responsabilità oggettiva del comportamento del proprio tesserato. Questa la sentenza emessa dal giudice sportivo piemontese della Lnd, giunta nel tardo pomeriggio di ieri nei confronti di Giovanni Alosi, ormai ex allenatore del Carpignano che domenica ha sferrato un pugno in faccia all’arbitro Andrea Felis durante la partita di Prima categoria contro l’Oleggio Castello.

Una vicenda che ha avuto una forte risonanza mediatica, in modo particolare sui social. Ma alla base della decisione del giudice ci sono il resocoto dell’arbitro dove viene specificato che, a causa del comportamento violento di Alosi, il direttore di gara non ha potuto portare a termine il match e referto medico che parla di una prognosi di tre giorni per Felis a causa di un forte dolore alal mandibola destra.

Nel comunicato viene anche specificato che, dopo il fatto, Alosi si precato negli spogliatoi dell’arbitro offrendo un risarcimento del danno.

Domenica contro il Comignago in panchina ci sarà il nuovo allenatore Ivano Mazzola.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni