Provincia, corsa contro il tempo per regolamentare le attività estrattive

Provincia, corsa contro il tempo per regolamentare le attività estrattive. Il 10 dicembre scadono i termini per la presentazione delle osservazioni al Prae, il piano regionale delle attività estrattive che viene stilata nella sua forma definitiva con le osservazioni di tutti i soggetti, da quelli istituzionali ai privati cittadini. Ieri, martedì 1 dicembre, si è svolta la commissione Ambiente della Provincia a cui hanno partecipato anche i sindaci dei Comuni interessati e ne è emersa la necessità di inviare alla Regione un documento che tuteli il territorio novarese.

La legge regionale 23/2016 è la norma che regolamenta le attività estrattive sul territorio peimontese e stabilisce dove e quanto si possa scavare. All’inizio del mese di ottobre la giunta regionale ha predisposto un bozza di Prae per l’individuazione delle aree, senza però specificare i quantitativi. Non un dettaglio, ma un elemento fondamentale per evitare scompensi tra territori.

La provincia di Novara è l’unica in Piemonte a essere in possesso di un Paep (piano delle attività estrattive provinciale) in vigore dal 2012 e che risale alla giunta Vedovato, dunque da aggiornare, ma che contiene tutte le soglie necessarie a regolamentare questo tipo di attività.

 

 

«Il messaggio che vogliamo dare – ha spiegato il dirigente della Provincia Davide Rabuffetti durante la commissione – è quello di far sentire alla Regione l’esigenza di un coinvolgimento diretto di tutti i Comuni del novarese. Diversamente si rischia che, nel momento in cui anche un Comune che non ha mai avuto cave sul proprio territorio e non è interessato ad averne, possa essere obbligato dal Prae a metterle a disposizione».

La consigliera Milù Allegra ha posto l’attenzione sui quantitativi: «Bisogna tutelare il territorio perchè immaginare che i cavatori possano estrarre quanto vogliono è un errore macroscopico e anche svantaggioso per Novara considerato il fatto che il nostro Paep prevede i limiti».

Il consigliere Marco Uboldi ha invece sottolineato che «la Regione dà per scontato che si possa scavare in falda; Novara è ricca di fontanili anche a pochi metri dal terreno che alimentano l’agricoltura: non possiamo pensare che sia semore autorizzabile scavare indipendentemente dal territiroio in cui ci si trovi».

Rabuffetti ha infine ricordato che «al momento il Prae è una scatola vuota, dunque è importante partecipare alla costruzione sia dal punto di vista tecnico che politico. Tutti i Comuni possono intervenire in modo attivo: ritengo che gli aspetti più importanti siano la definizione dei quantitativi e le modalità di sfruttamento».

Su proposta del presidente Federico Binatti, e con la condivisione di tutte le parti politiche, si quindi è stabilito di preparare un documento che contenga le esigenze del territorio e che sarà sottoposto ai sindaci i quali potranno presentare eventuali modifiche; nel frattempo verrà convocata una commissione per sottoscrivere il documento defintivo da inviare in Regione. Tutto questo, però, entro il 10 dicembre.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni