Cronaca In città

Profondo cordoglio per la scomparsa di Franca Guglianetti Allegra

Storica esponente della Dc “morotea” prima, ne La Margherita e nel Pd poi, era stata assessore in Comune con i sindaci Riviera e Malerba e in Provincia con il presidente Cattaneo

Profondo cordoglio in città e non solo per la notizia della scomparsa di Franca Guglianetti Allegra, spentasi nella tarda mattinata di oggi, lunedì 5 ottobre, all’Ospedale Maggiore. Nata nel 1938, era una figura conosciutissima per essere stata per tanti anni insegnante di francese e per l’impegno politico che aveva abbracciato fin da giovanissima. Una passione iniziata nelle fila della Democrazia Cristiana, come esponente della cosiddetta corrente “morotea”, e proseguita poi ne La Margherita e, infine, nel Partito Democratico.

A livello amministrativo, eletta tanto in Comune che in Provincia, ha ricoperto incarichi di assessore a Palazzo Cabrino con i sindaci Armando Riviera e Antonio Malerba e a Palazzo Natta nella Giunta guidata da Paolo Cattaneo. Proprio il nipote di Oscar Luigi Scalfaro la ricorda oggi con tanto affetto per la sua «straordinaria umanità, generosità, gentilezza e schiettezza, sempre dimostrata e interpretando il ruolo della politica come servizio in favore degli altri e dei più deboli».

 

 

Scuola, politica ma anche la cucina fra le sue passioni, e tutto ciò che riguardava le tradizioni legate a San Gaudenzio.

Franca Guglianetti Allegra lascia il marito Giancarlo, storico medico sociale del Novara Calcio negli anni ’70, e quattro figli: Cristina, Manuela, oggi consigliere provinciale e comunale e che da lei ha in qualche modo “ereditato” la passione politica, Francesco e Marta.

I funerali si svolgeranno mercoledì 7 ottobre alle 10 in Duomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Stopover Viaggi - Venezia - La Voce di Novara