Obbligo di tampone per chi rientra da Croazia, Grecia, Malta e Spagna

Obbligo di tampone per chi rientra da Croazia, Grecia, Malta e Spagna. L’ordinanza è valida su tutto il territorio regionale per chi ritorna dal 13 agosto in poi. È consigliabile prenotare il tampone con anticipo inviando una mail all’Asl di riferimento all’indirizzo sisp.nov@asl.novara.it oppure contattando i seguenti numeri di telefono: Novara 0321 374705, Arona 0322516511, Borgomanero 0322848502. Dovranno essere indicati nome, cognome, data di nascita, codice fiscale, residenza ed eventuale domicilio; Paese estero da cui si rientra, data, ora e modalità di rientro in Italia; recapito telefonico (cellulare), targa del veicolo che verrà utilizzato per recarsi ad effettuare il tampone in modalità Drive Through, ovvero rimanendo a bordo della propria automobile. I risultati saranno trasmessi entro 12-24 ore.

I tamponi vengono effettuati su tutti gli individui che hanno raggiunto l’età scolare; nel caso in cui in un nucleo famigliare si riscontrino delle positività, saranno sottoposti a tampone anche i bambini di età inferiore.

I test possono essere effettuati anche in privato, purché si tratti di uno dei laboratori riconosciuti dalla Regione Piemonte. Nel caso di tampone effettuato all’estero (opzione possibile) oppure in un laboratorio privato, il costo va sostenuto dall’interessato; nel caso di tampone effettuato nel servizio pubblico, non ci sono costi a carico dell’interessato.

 

 

Le eventuali giornate perse vengono coperte con la mutua a seguito della presentazione del provvedimento di isolamento fiduciario emesso dalla Asl al medico di famiglia. Al di fuori di questi casi, è necessario occorre valutare le proprie coperture sanitarie e assicurative. In attesa dell’effettuazione e del risultato del tampone, è necessario rispettare l’isolamento fiduciario cioè evitare contatti con altri individui.

Se l’esito del tampone è negativo, è possibile interrompere l’isolamento; se invece è positivo viene disposta la quarantena obbligatoria.

Chiunque rienti da un Paese a rischio ha l’obbligo di segnalarlo al proprio medico di famiglia o al dipartimento di prevenzione della Asl di domicilio attarverso il modulo disponibile sul sito della Regione. Il tampone deve essere eseguito entro le 48 ore e l’esito arriverà nelle 12-24 ore successive al prelievo.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: