Medico insultata su Facebook: l’autrice si scusa, l’Ordine ritira la denuncia

Medico insultata su Facebook: l’autrice si scusa, l’Ordine ritira la denuncia. L’episodio risale al mese di febbraio quando una donna aveva pesantemente offeso con un post una dottoressa del Servizio di continuità assistenziale dell’Asl l’Ordine dei medici si era fatto carico di denunciare per diffamazione l’autrice di quel post all’autorità giudiziaria.

La Procura della Repubblica aveva aperto un’inchiesta e ad agosto aveva notificato all’autrice del post la chiusura delle indagini, atto che prelude la richiesta di rinvio a giudizio. A quel punto la signora in questione aveva inviato una lettera di scuse all’Ordine dei medici in cui sottolineava come «i miei toni sono stati inopportuni e offensivi e me ne scuso con tutti i medici che ogni giorno si adoperano con serietà e impegno per tutelare noi tutti».

 

 

A fronte di queste scuse e a una donazione a favore della Croce Rossa, l’Ordine ha ritirato la querela.

«Accettiamo le scuse – commenta il presidente dell’Ordine Federico D’Andrea – e ricordiamo che se un cittadino ha delle lamentele da fare, ritiene di essere stato vittima di un errato comportamento del medico, deve rivolgersi nelle sedi più opportune. Presso l’Ordine esiste un’apposita commissione che valuta se il comportamento di un iscritto viola o meno il Codice deontologico che rappresenta il faro per ogni medico. Per cui, invitiamo chiunque abbia delle proteste di rivolgersi all’Ordine e non a sfruttare i social per insultare chi fa il proprio mestiere. Non siamo più disposti a tollerare episodi come questo».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: