«L’Italia sta affondando e chiede risposte serie e immediate»

Circa duecento persone fra amministratori e militanti del centro destra si sono ritrovati nella tarda mattinata di oggi, martedì 2 giugno, in piazza Puccini alla manifestazione promossa da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia per protestare contro le misure adottate dal governo per fronteggiare la crisi sanitaria.

Guidati dal sindaco di Novara Alessandro Canelli, dai parlamentari del Carroccio Marzio Liuni e Alberto Gusmeroli e dal senatore di FdI Gaetano Nastri, i manifestanti hanno messo in mostra cartelli con l’hashtag #primagliitaliani e richieste avanzate a livello nazionale dai partiti di opposizione: “burocrazia zero e potere ai sindaci”, “aiuti veri per commercianti, artigiani e partite iva”, “flat tax e fiducia alle imprese”.

Nessun discorso, nessun intervento. Tutti, sotto gli occhi delle forze dell’ordine e anche di qualche curioso.

«Una manifestazione pacifica, statica – ha commentato a margine il parlamentare leghista Marzio Liuni – per protestare contro questo governo che purtroppo ha messo a disposizione tanti soldi, ma secondo noi male. Altro che 80 miliardi e due finanziarie, l’Italia sta affondando e chiede risposte serie e immediate. Serve una visione del Paese a lungo periodo, cosa che questo esecutivo finora non ha dimostrato, lasciando soli gli italiani».

«Oggi ci siamo ritrovati come partiti del centro destra – ha aggiunto il senatore di Fratelli d’Italia Gaetano Nastri – per dare voce a quei tanti italiani che questo governo ha dimenticato. Abbiamo voluto manifestare contro una politica dell’Esecutivo incapace di affrontare la grande emergenza sociale ed economica che si è aperta con il covid. Noi abbiamo sempre avuto un atteggiamento propositivo, avanzando proposte serie e realizzabili per dare risposte alle tantissime categorie che chiedono interventi immediati. Anche lo stesso “Decreto rilancio” conferma l’assenza di una visione. Famiglie, lavoratori autonomi e dipendenti, pensionati, imprenditori e quei tanti che a causa della crisi sono stanchi di parole e di conferenze stampa. Per loro siamo scesi in piazza e ritorneremo a farlo nella grande manifestazione nazionale del 4 luglio».

Da Torino non ha mancato di fare sentire la sua voce anche il presidente della Regione Alberto Cirio: «Giusta e opportuna l’iniziativa di oggi in tutte le piazza d’Italia per dare voce ai tanti italiani che soffrono e che chiedono al governo e all’Europa misure vere e concrete per far ripartire il Paese. Sono tre mesi che migliaia di piemontesi attendono il pagamento della Cassa in deroga. Ad oggi l’Inps ha erogato quanto dovuto solo a meno di 25 mila lavoratori a fronte delle oltre 90 mila pratiche trasmessa dalla Regione. Domani stesso sentirò nuovamente gli uffici regionali dell’Inps e non escludo anche azioni ufficiali, coinvolgendo i governatori di altre Regioni, perché questa situazione non è più accettabile».

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni