L’anno nero di eventi e cerimonie: in piazza gli operatori del settore

L’anno nero di eventi e cerimonie: flash mob in piazza. Questa mattina, lunedì 26 aprile, gli operatori del settore cerimonie ed eventi privati e aziendali sono scesi in piazza (undici capoluoghi di regione tra cui anche Torino e Milano) per protestare contro la mancanza di indicazioni da parte del governo per la ripartenza delle attività del comparto.

La protesta è stata convocata da Federmep e Unanime, le associazioni di categoria, con una delegazione che a Torino è stata ricevuta in Regione dagli assessori allo Sviluppo delle attività produttive e delle piccole e medie imprese Andrea Tronzano e al Commercio Vittoria Poggio.

«Vogliamo regole chiare e date certe per ripartire – afferma la event planner del lago d’Orta, Elisabetta Zucchi, che ha partecipato alla manifestazione in piazza Castello a Milano -. Il decreto in vigore da oggi neanche ci nomina. Siamo uno dei settori più colpiti, abbiamo perso più del 90% del fatturato. Non siamo mai stati presi in considerazione perchè ritenuti non essenziali. Siamo, invece, professionisti attenti e responsabili, meritiamo dignità».

Tre le richieste messe sul tavolo anche l’ampliamento del fondo a sostegno delle imprese del settore istituito dal decreto Sostegni, una accelerazione nella liquidazione dei ristori oltre a una class action per il risarcimento dei danni subiti.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni