Intra: si indaga ancora per la morte di un uomo di 59 anni

Inchiesta ancora aperta per la morte dell'uomo genovese

Erano gli ultimi giorni del 2021 e Aldo Caravaggio, cinquantanove anni ligure, stava trascorrendo alcuni giorni a Intra nella vecchia casa dei nonni. Il 30 dicembre i parenti della vittima residente a Genova, hanno deciso di chiamare le forze dell’ordine di Verbania, visto che l’uomo non rispondeva alle chiamate e agli sms.

Giunti sul luogo indicato dai famigliari, i soccorritori hanno fatto irruzione nell’abitazione trovando il corpo del genovese steso sul pavimento, ormai senza vita. Immediatamente informati i parenti, questi ultimi hanno dichiarato che, nei due giorni precedenti, la vittima aveva accusato lievi malori: mal di tesa, mancamenti e nausea. Elementi che hanno indotto la procura della repubblica di Verbania ad aprire un fascicolo per omicidio colposo. Sembra infatti che la morte possa essere avvenuta a causa delle esalazioni da monossido di carbonio e si sta valutando, ancora oggi, le eventuali responsabilità circa la manutenzione della caldaia. Le indagini, ci confermano, sono ancora in corso.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni