Gmv Martini, l’azienda non retrocede sui licenziamenti annunciati

Sono 145 gli attuali dipendenti di Gmv Martini a Novara ma sul capo di 19 di loro pende la scure del licenziamento. Una scure che però resterà sospesa prevedibilmente fino al 4 agosto, termine ultimo per l’ “invio delle lettere”. A nulla pare sia servito l’incontro di lunedì mattina tra sindacato e vertici aziendali che hanno ribadito le loro intenzioni. «Abbiamo sottoposto all’azienda la richiesta di bloccare la procedura dei licenziamenti e di utilizzare la cassa integrazione – dice Gianluca Tartaglia della Fim – La nostra posizione è quella di arrivare a settembre e vedere cosa succederà, anche alla luce di eventuali decreti governativi. Ma l’azienda non ha dato risposte. Intanto il 30 giugno l’azienda ha formulato la sospensione del pagamento della 14esima a tempo indeterminato; una comunicazione che prodotto azioni di sciopero nelle giornate di giovedì e venerdì scorso che, tuttavia, non hanno sortito alcun cambiamento da parte aziendale».

 

 

«Noi – aggiunge – come Fim Cisl siamo consapevoli dei problemi esistenti ma sottolineiamo la mancanza di un vero progetto e di un piano industriale che renda credibili le scelte che l’azienda vuole portare avanti e che quindi giustificherebbero sacrifici, come ad esempio la riduzione oraria che è stata proposta. Al di là di questi 19 licenziamenti, non avendo cambiato l’organizzazione del lavoro e non avendo fatto scelte sulla mission dei prossimi anni, potrebbero esserci ulteriori decurtazioni di posti di lavoro. Da qui la sostanziale inutilità dei 19 licenziamenti perché a settembre le difficoltà potrebbero aumentare».

Per quanto riguarda la decisione della sospensione del pagamento della 14esima a tempo indeterminato «nei prossimi giorni – dice Tartaglia – faremo una verifica con i nostri studi legali».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *