È scomparso Vittorio Gregotti, decano degli architetti

È scomparso Vittorio Gregotti, decano degli architetti. Si è spento questa mattina all’ospedale San Giuseppe di Milano all’età di 92 anni. Gregotti era nato a Novara nel 1927 e già all’età di 20 anni lavorava a Parigi nel prestigioso studio dei fratelli Gustave, Claude e Auguste Perret.

Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Milano, ha iniziato la sua carriera collaborando con la storica rivista Casabella; negli anni ’50 partecipò a un seminario internazionale a Hoddesdon, dove ebbe modo di conoscere Le Corbusier, Ove Arup, Cornelis van Eesteren, Gropius.

La sua opera si lega inizialmente a quei movimenti come il Neoliberty di reazione al Movimento moderno e alla sua interpretazione italiana definita Razionalismo italiano, di questo genere l’esempio più significativo è il palazzo per uffici di via San Gaudenzio a Novara.

Innumerevoli sono i suoi progetti internazionali, tra i più noti ci sono lo stadio di Barcellona e il quartiere Zen di Palermo.

L’ultimo lavoro, del 2012, è stata la ristrutturazione da ex fabbrica a teatro del Teatro Fonderia Leopolda di Follonica (Livorno).

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: