Collegare le periferie con le sedi universitarie attraverso piste ciclabili. Un progetto da un milione e mezzo

La città di Novara è stata selezionata tra altre 45 in Italia a ricevere il contributo con fondi del Pnrr

Un milione e 529 mila euro per il miglioramento e la realizzazione di piste ciclabili che mettano in connessione le zone periferiche con le sedi universitarie. Un progetto per il quale sono state selezionate quarantacinque città in Italia, tra cui anche Novara «in quanto rientra nei parametri previsti dal decreto legge 509 del 15 dicembre 201 – spiega Mauro Franzinelli, capo di gabinetto del comune di Novara -. Sono stati effettuati alcuni calcoli rispetto al numero di cittadini e a quello degli iscritti all’Università del Piemonte Orientale. Il contributo servirà per 6 chilometri di pista ciclabile, in parte già esistente e da sistemare, in parte da realizzare completamente».

Il progetto, denominato “Rafforzamento ciclabilità urbana – connessioni tra periferia e sedi universitarie”, prende in considerazione tre sedi universitarie: la Perrone in via Passalacqua, sede principale, la facoltà di Farmacia in corso Trieste a Sant’Agabio e la facoltà di Medicina in via Solaroli.

«Il contributo viene erogato con fondi del Pnrr – aggiuge Franzinelli – ed è previsto che i primi due chilometri vengano conclusi entro il 31 dicembre 2023, i restati 4 entro il 30 giugno 2026».

Intanto la scorsa settimana il Comune ha ricevuto un contributo da Compagnia di San Paolo di 60 mila euro, sugli 80 mila richiesti, per lo studio di progettazione.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni