Capodanno piemontese: bilancio ufficiale dei feriti e delle denunce

Leggera crescita dei feriti gravi rispetto a un anno fa, ma nessuna vittima

Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha reso noti i dati del Capodanno 2022 in Piemonte, riguardanti gli esiti dei servizi predisposti per la prevenzione ed il rilevamento degli incidenti derivanti dall’uso dei prodotti pirotecnici.

I dati relativi agli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti non fanno registrare alcun episodio mortale, a fronte di una persona deceduta nel 2021. Il dato complessivo relativo ai feriti, complessivamente 124 (di cui 31 ricoverati), evidenzia un incremento rispetto al precedente anno (79). Questo fine anno si sono registrati 10 ferimenti da colpi d’arma da fuoco, in diminuzione rispetto ai dati del 2021 (13). In relazione al ferimento di minori, si registra un significativo aumento del dato complessivo: 20 a fronte degli 8 dello scorso anno.

Tuttavia, in leggera crescita il dato dei feriti gravi con prognosi superiore ai 40 giorni, passati da 12 a 14. Tra gli episodi più rilevanti, in Piemonte ne viene segnalato uno: nella notte, un uomo di 43 anni è stato ricoverato all’Ospedale di Ponderano (Biella) con un’evidente ferita alla mano sinistra. A seguito di un intervento chirurgico ha subito la sub-amputazione della falange del primo dito, con prognosi di 40 giorni.

Sono state 37 le persone arrestate e 188 quelle denunciate a fronte del sequestro di 32.501 Kg di prodotti pirotecnici e 2.381 Kg di polvere da sparo. Dieci le armi comuni da sparo sequestrate.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni